Parte da giorno 1 ottobre lo Street Control ad Acireale.

Questa mattina in conferenza stampa, Il sindaco Stefano Alì, l’assessore avv. Mario Di Prima, il comanandante della Polizia Municipale, dott. Antonino Molino, hanno presentato, il sistema dello Street Control ovvero “sistema di rilevamento di infrazioni al codice della strada” uno strumento che ha come obbiettivo, quello di portare ordine alla città e non solo nelle vie principali ma bensì verrà utilizzato in tutta la città. È un sistema veloce e soprattutto permette di individuare i veicoli in sosta vietata e in doppia fila permettendo cosi, di riuscire a sanzionarli in maniera rapida.

– Inoltre aggiunge il sindaco ing. Stefano Alì: “È importante che ad Acireale venga dato ordine, con questo sistema è inoltre possibile individuare tutti i veicoli senza assicurazione, con revisione scaduta o che appartengono alla blacklist che verrà definta dal comando dei Vigili Urbani in cui verranno inseriti tutti i veicoli che non possono circolare perchè non in regola.
Uno strumento dunque che verra utilizzato su tutto il territorio acese quindi, verranno fatte verifiche sia in centro, sia in periferia che nelle frazioni. Lo scopo dell’amministrazione è portare ad un coretto utilizzo delle strade in tutta la città”

Contestualmente all’avvio dello Street Control, sarà fatta un’operazione con maggiore presenza di Vigili Urbani che verificheranno i parcheggi con zone blu per garantire una effettiva rotazione delle auto in sosta per avere commercialmente un miglioramente nella fruizione degli spazi.

– Certamente questo è un progetto innovativo e tecnologico ma soprattutto un deterrente che invoglia i cittadini al rispetto delle regole ed ecco che l’assessore alla Polizia Municipale avv. Di Prima ci spiega lo Street Control e risponde anche, alle perplessità manifestate in questi giorni dal presidente della Confcommercio Acireale Mario Russo e dal commerciante Dante Pasquini: “È una innovazione tecnologica che è stato opportuno adottare nella nostra città soprattutto in considerazione della carenza di organico dei Vigili Urbani. Lo strumento Street Control sarà uno strumento pure di prevenzione che invita il cittadino ad essere più rispettoso delle regole.
È anche corretto e giusto quanto viene osservato dalla Confcommercio, infatti, sarà importante un maggiore controllo delle strisce blu e una maggiore efficenza dei parcheggi che avverrà attraverso pure l’installazione di parcometri che stiamo sollecitando affinchè queste avvengano il più presto possibile e un maggiore controllo delle strisce blu affinchè si effettui un maggiore ricambio nella sosta che consente ai commercianti di poter avere dei posti davanti ai loro esercizi liberi per gli avventorii che man mano faranno i loro acquisti presso i loro esercizi commerciali.”

Inoltre l’assessore Mario Di Prima, si dice disposto ad avere un dialogo aperto con i commercianti perchè ciò è fatto nell’interesse della città, per lo sviluppo dell’intera comunità per uno sviluppo civile che diventa importante per il modello di città che si prospetta di avere. Una città sempre più ordinata e che cresca economicamente e commercialmente.

Il Dott. Molino, comandante della Polizia Municipale invece, entra nello specifico del funzionamento dello Steet Control: “Avremo una macchina con le insegne della Polizia Municipale su cu verrà montato questa strumentazione, i Vigili presenti nel veicolo convalidano le violazioni che la strumentazione porterà in evidenza. Le quattro telecamere all’interno di questo strumento sono in grado di leggere circa 100 targhe al secondo, tutta una serie di dati che andranno ad incrociarsi sia per quanto riguarda l’assicurazione, sia per la revisione, le macchine in sosta, quelle in doppia fila su marciapiedi, su strisce pedonali, in pratica tutte le violazioni che man, mano camminando è in grado di leggere. È uno strumento versatile perchè in grado pure di individuare l’eventuale veicolo in blacklist o lista nera che noi creeremo per quei veicoli fantasma che possono essere intestate a persone decedute magari senza eredei che continuano a circolare senza alcuna regola e così anche per i veicoli rubati, quindi in grado di leggere la targa di tali veicoli, e noi, grazie ad una nostra banca dati dei veicoli rubati, saremo in grado di dare quest’altro servizio al cittadino.
In questi casi il conducente viene fermato e ciò ci consentirà di verbalizzare tutte le infrazioni che lo strumento è stato in grado di leggere ma in più sarà in grado di farci verbalizzare pure tutte le infrazioni pregresse che abbiamo e che riguardano quel tale veicolo.

Ritengo inoltre che sia uno strumento necessario visto anche che l numero dinagenti a disposizione si è ridotto e lo sarà ancora di più nei orossimi mesi, per cui, la tecnologia si è resa necessaria e utile.”

Con determina n.167 del 12/09/2019, la polizia municipale si è quindi attivata per dotarsi delle apparecchiature necessarie per la rilevazione automatica in mobilità delle violazioni. È stato stilato un accordo con una ditta di Teramo, la HELIAN SRL nella convenzione firmata, tramite il portale MEPA, è prevista pure la manutenzione e il corso di aggiornamento per i vigili e resterà in vigore per tre anni e noleggerà tutto il necessario oltre poi a consentirne il possibile acquisto.
Al di là delle infrazioni inerenti la sosta selvaggia, ciò che preoccupa maggiormente è la problematica che si sta dilagando è l’assenza di assicurazione nei veicoli a volte favorita dalla non obbligatorietà dell’esposizione del contrassegno. Tutto ciò consentirà dunque, di assicurare alla città un controllo efficace su tutto il territorio.

Graziella Tomarchio