Pattinodromo, niente finanziamento e il Comune perde 20 mila euro

pattinodromo-copIl pattinodromo di Acireale poteva diventare un grande centro sportivo se fosse arrivati il finanziamento regionale di 1 milione di euro. Un fiore all’occhiello per lo sport acese, un luogo reuperato e messo in condizioni di ospitare gare di altissimo livello. Una struttura che già così come si trova adesso forma numerosi atleti acesi, gli stessi che ogni anno nelle varie competizioni raggiungono risultati eccelsi. Ma nulla, anche in questo caso il governo regionale mostra il suo vero volto, prometterndo e poi ritornando indietro sui suoi passi. Il silenzio, anche in questo caso, dell’amministrazione comunale e dei deputati regionali acesi è stato significativo.

Un milione di euro va in fumo e porta con se anche il danno per il Comune di Acireale che ha speso 20 milaeuro per preparare il progetto per la ristrutturazione del pattinodromo, passaggio indispensabile per accedere al finanziamento. E’ un danno all’erario che subisce il Comune di Acireale che grida vendetta e che può essere recuperato se si intraprende un’azione legale contro la Regione Sicilia, operazione che altri Comuni siciliani stanno facendo.

Il pattinodromo non riceve il finanziamento, così come non hanno ricevuto il finanziamento di 400 mila euro le Terme (per il pagamento delle utenze), così come non si sa ancora nulla delle modalità con cui si vuole agire per le IPAB e specialmente per l’Oasi Cristo Re di Acireale.

Un governo regionale lla frutta, tenuto in vita con il respiratore dell’inciucismo e dal paraculismo di tanti deputati che non vogliono sollevare il cuo dalla poltrona. Perdiamo, quindi, il finanziamento per il pattinodromo, abbiamo sciupato 20 mila euro e la struttura rimarrà a sentire il peso dell’età fino a degrado. Ad oggi resiste solo per merito dei gestori che fanno di tutto per dare dignità ad una bella struttura dimenticata da tutti.

(mAd)