Piccola storia di Jaci – il Progetto della “Via Italia” 1878

Il Dott. Giuseppe Grassi Russo è stato sindaco della città di Acireale nel triennio 1876 – 1878.

Questa sindacatura è ricordata dagli studiosi per le numerose opere pubbliche realizzate e per la costante riduzione dei debiti comunali (i bilanci vengono approvati per acclamazione) . Brevemente ne elenchiamo alcune come ad esempio l’ampliamento del Cimitero , la sistemazione delle piazze Belvedere, Davì, Piazza Commestibili , Garibaldi, Porta Gusmana, la Villetta di Piazza Lionardo Vigo, la sistemazione della fortezza del tocco, l’assetto definitivo della Villa Belvedere e la Piazza Duomo con l’istallazione del famoso “Cinque Oro”.

A fine mandato solo un opera non si riesce a realizzare! Il prof. Cristoforo Cosentini nel saggio pubblicato su Memorie e Rendiconti del 1984, dove traccia un dettagliato profilo del personaggio, nella parte finale scrive:

Andò via da sindaco col rammarico di non aver potuto attuare la grande “Via Italia”, che da S. Sebastiano sarebbe dovuta arrivare, tutta dritta, all’attuale via Maddem, e che “aprendo un esteso ed eccellente spazio per la nuova edificazione”, era, a suo avviso, “destinata a mutare d’aspetto questa città”. ” Un popolo il quale sente la propria dignità non può privarsi a lungo – diceva – di alcune opere di decoro, di abbellimento, di ammodernamento, nella patria che ama tanto, e che vorrebbe render gradita a se stesso, e agli ospiti cari che l’onorano di la loro visita e dimora”.

foto del monumento di Grassi Russo all’ingresso della Villa Belvedere.