Piccola storia di Jaci – La festa di Santa Venera, luglio 1902

Nel luglio del 1902 si svolgono le elezioni comunali che vedono , dopo la revisione delle schede, la vittoria risicata del partito di Grassi Voces in contrapposizione alla “lista dei popolare” del barone Pennisi di Santamargherita.

Malgrado i “tempi tristi”, per la città, il Comune stanzia la somma di 12.000 £ per celebrare in modo solenne la festa della Santa Patrona. Per l’occasione viene invitata a partecipare la banda musicale di Malta, la King’s Own, composta da 75 elementi e accompagnata da 400 maltesi.

la nota di wikipedia ci da alcune notizie su questa Banda: La King’s Own Band è una banda filarmonica maltese con sede nella capitale del paese, La Valletta. Fondata nel 1874 come La Stella, la banda in seguito fu ribattezzata La Nazionale e La Nazionale Vincitrice. La banda fu ribattezzata The Prince of Wales Band nel 1885. Il suo nome attuale, The King’s Own Band, fu dato dal re Edoardo VII, che scelse il nome nel 1901 dopo essere salito al trono del Regno Unito.

Nelle acque di Santa Maria la Scala stazionarono 2 Torpediniere della Marina da Guerra italiana la cui visita è permessa alla popolazione.

(dopo una breve indagine nell’almanacco della Marina Militare Italiana unica torpediniera varata in quel periodo è la Condore Varata nei cantieri Ansaldo di Sampierdarena – Genova il 17-9-1898, completata il 11-6-1900 e Radiata il 18-4-1920 )

Torpediniera Condore – Foto Agenzia Bozzo

Per la prima volta viene disputata anche una gara ciclistica. Le gare ciclistiche saranno per lungo tempo una caratteristica della Festa di Santa Venera.

Nel Piano delle Basiliche viene rimosso il leggendario ” 5 oro” tra le immancabili critiche e un palco per la musica viene collocata all’angolo tra la Cattedrale e la Basilica di San Pietro.

(Cartolina dell’ epoca che raffigura il “cinque oro”)

Tutte queste preziose informazioni sono state raccolte dal dott. Salvatore Rizzo nel volumetto Acireale negli anni 1901 – 1910

In copertina immagine di piazza duomo durante le festa di Santa Venera con la processione dei cerei votivi, le tradizionali candelore. Foto tra la fine dell’ 800 e primi 900 tratta dal volume “Acireale d’altri tempi” – prof. Cristoforo Cosentini