Piccola storia di Jaci – La stele della Madonnina della Scala.

La popolazione di Santa Maria la Scala da secoli è legata alla Madonna che venerano nell’antica chiesetta del borgo marinaro. Ogni anno l’ultima domenica di agosto viene celebrata la festa con particolare solennità e un artistico simulacro viene portato in processione per le stradine del borgo. La statua intagliata nei primi anni del 900 è opera dello scultore acese Angelo Musmeci della stirpe dei “Girlandi” detto lo “statuario”.

Durante la festa del 24 agosto 1956 si rischiò una strage a causa dell’improvviso scoppio dei petardi riposti, in modo imprudente, nella sagrestia della chiesa. Gli “Scaloti” insieme al giovane sacerdote Don Alfio Maccarrone – novello parroco della frazione dal 1954 – in segno di riconoscenza per lo scampato pericolo decisero di erigere una stele con in cima un’ immagine della Madonna della Scala. Nel 1958 iniziavano i lavori di costruzione della stele in cemento armato, l’opera monumentale si innalzava sulle rocce del porticciolo. Nel marzo del 1959 giungeva da Vicenza la statua opera dello scultore Aldo Garretta. La opera è del peso di tre tonnellate e alta tre metri per un importo complessivo di mezzo milione di lire. Durante la festa dell’agosto del 1959 la stele con l’immagine veniva solennemente inaugurata e benedetta.

Quest’anno la comunità “scalota” celebra il 60° anniversario di erezione della stele con tutta una serie di iniziative che culmineranno con la festa alla Madonna.
Tanta è la devozione dei marinai verso la loro Madonna che gli equipaggi dei pescherecci fanno di tutto per rientrare in porto e partecipare puntualmente alla festa.

Non può mancare il ricordo verso Don Alfio Maccarrone, per ben 60 anni parroco della chiesetta e amato insegnante di religione al “Commerciale” di Acireale , scomparso lo scorso Novembre. Don Alfio come detto fu uno dei promotori della costruzione della stele votiva dedicata alla Madonnina del mare.

Fonti storiche: “Il Risveglio” avv. Felice Saporita.

foto: Seby Pittera

(Seby Pittera)