Piccola storia di Jaci – Ricordo del Ten. Alfio Manciagli.

Nato in Acireale il 05 gennaio 1917 da Mariano e da Maria Giovanna Galetti. Residente fin dalla giovane età a Brunate (CO) perchè il padre era un finanziere. Sergente presso la scuola A.U.C. di Avellino dopo l’armistizio entra in clandestinità aderendo al “Gruppo V giornate S.Martino” (CLN) comandato dal Ten. Col. Carlo Croce (nome di battaglia Giustizia) che operava sulle montagne di Luino. Alfio (nome di battaglia Folco) era ufficiale col grado di Tenente nella 2a compagnia comandata dal capitano Enrico Campodonico (n.d.b. Campo). Catturato nel corso della battaglia del San Martino (monte posto tra la Valcuviana e il lago Maggiore nel territorio di Varese). Operazione antipartigiana attuata dalle forze tedesche e repubblicane (15 novembre 1943).


Furono una cinquantina i partigiani fatti prigionieri, per la maggior parte della Ia compagnia sbandatasi già nel pomeriggio. Alcuni furono percossi e fucilati sul posto tra cui il ten. Manciagli, altri portati nelle cantine delle scuole di Rancio ed atrocemente torturati dalle SS. Chi non morì sotto le sevizie ricevette una pallottola nella nuca ed i cadaveri, in parte riportati sul luogo della battaglia, vennero gettati nei dirupi. I sopravvissuti furono tradotti nelle carceri di Milano. (cit. Giorgio Roncari – Cluvio)

Il corpo del Ten. Alfio Manciagli riposa nel sacrario del San Martino nei pressi di Duno Varese

foto del sacrario dal sito web “Pietre della Memoria”

Si ringrazia per le notizie il prof. Giuseppe Grasso – ANPI Acireale

Foto: Riquadro di una foto del gruppo dei catturati pubblicata da F.Boldrini . Varese anno 2006

(Seby Pittera)