Piccola storia di Jaci – Vittime civili della guerra, agosto 1943.

Durante la campagna militare alleata in Sicilia del 1943 tanti civili rimasero vittime dei bombardamenti e mitragliamenti a bassa quota.

Il primo agosto del 1943 l’acese Scuderi Vincenzo rimane vittima di un bombardamento aereo a Santa Domenica Vittoria (Me).

Negli archivi si è rintracciata la comunicazione del comune di Santa Domenica Vittoria al comune di Acireale del 10 agosto 1944 (dopo un anno).

L’ufficiale del comune Mario Leotta annota la comunicazione del Comandante della Stazione dei RR.CC di Santa Domenica di Vittoria dove si dà atto: ” che il giorno primo del mese di agosto 1943, alle ore 19.00 in seguito all’esplosione di una bomba d’areoplano, lanciata dal nemico in via S. Antonio, è morto Scuderi Vincenzo dell’età di anni 37 Italiano, di razza ariana, residente in Acireale”.

Il sig. Scuderi Vincenzo è sepolto nel Cimitero di Acireale nel colombaio monumentale, lato nord, nella lapide è inciso “Caduto Civile di guerra”. Un nastrino tricolore è attaccato alla lucerna.

Il comune messinese è vicino alla città di Randazzo che fu ripetutamente oggetto di incursioni aeree nemiche dal 16 luglio all’ 11 agosto 1943.

Fatto curioso è che Scuderi Vincenzo negli elenchi del Nastro Azzurro di Acireale è riportato come Maresciallo dei Carabinieri e Comandante della Stazione di Santa Domenica Vittoria.

La nota lascia perplessi perchè: 1) la comunicazione al comune è fatta dal Comandante della Stazione dei RR.CC in data 2 agosto 1943, 2) nella lapide è inciso “Caduto Civile di guerra”.

(S.P.)

Lapide di Scuderi Vincenzo – Cimitero di Acireale – Foto Fan City

Foto Fan City Acireale