Pillole di poesia: “Henry Chase” di Edgar Lee Masters

edgar lee masters

In vita fui l’ubriacone del villaggio;
da morto il prete mi negò sepoltura
in terra consacrata.
La cosa tornò a mio vantaggio,
perché i Protestanti comprarono questo pezzetto di terra
e ci seppellirono il mio corpo,
accanto alla tomba del banchiere Nicholas,
e di sua moglie Priscilla.
Visto? anime prudenti e pie,
come le avverse correnti della vita
onorano i morti vissuti nell’onta?