Presentato il 15 ottobre scorso nella sala giunta del Palazzo di Città, il progetto denominato: ANG in Radio Sicilia “Giovani che lasciano il segno”.

Nasce ad Acireale una delle 44 stazioni radio per il primo network istituzionale realizzato da under 30 e la particolarità del progetto è quella di aver coinvolto degli speaker che comunicano con il linguaggio dei sordi.

ANG in Radio Sicilia “Giovani che lasciano il segno”, è una radio dove i ragazzi possono raccontarsi e confrontarsi, crescere e comunicare, senza barriere né limiti. Il primo network radio istituzionale su canale digitale. A finanziare questo progetto, l’agenzia Nazionale per i giovani, ente vigilato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Commissione Europea, che si occupa per l’Italia dei programmi Europei rivolti ai giovani nell’ambito nazionale delle politiche giovanili.
Un progetto totalmente nuovo e innovativo di fare radio per dare voce a chi voce non ne ha, utilizzando il LIS (Lingua Italiana dei Segni).

Attraverso uno strumento che è quello della radiovisione, e il LIS (Lingua Italiana dei Segni), il progetto mira a rendere accessibile la radio un po’ a tutti.
Saranno 10 i ragazzi coinvolti che si alterneranno nella conduzione dei podcast, utilizzando appunto uno strumento da tempo diffuso nelle radio nazionali che è la radiovisione.
La radio avrà sede presso lo Space Music, la struttura di via Sciarelle di Acireale, che verrà messa a disposizione dal comune e l’assessorato alle politiche giovanili.

– “Spesso siamo convinti che non ci sia la possibilità di comunicare attraverso la lingua dei segni, dichiara l’assessore Palmina Fraschilla, presente all’incontro, “Questo progetto permetterà ai non udenti di ascoltare i contenuti a livello visivo in modo che il linguaggio dei segni possa essere trasformato in linguaggio parlato e soprattutto si farà in modo che possa essere trasferito nell’ambito radiofinico attraverso delle immagini che saranno proiettate sul web con la presenza di un interprete che si occuperà della “messa in voce” dei segni e della “traduzione in segni” della voce, che renderà possibile la fruizione dei contenuti al pubblico non udente. Ringrazio tutti i giovani che si sono spesi in questo progetto e le Associazioni presenti sul nostro territorio che si occupano di disabilità di tipo uditivo. È un progetto di inclusione sociale che permette a tutti di comunicare e che trasmette un messaggio importante di integrazione.”

– Anche il responsabile della struttura Space Music, Giuseppe Pandolfo, si dichiara orgoglioso di aver aperto le porte della struttura a questo progetto: ” È bello per noi poter trasmettere un messaggio importante di integrazione dando vita a questo progetto nel nostro centro musicale. Lavoreremo in sinergia con la responsabile dell’ufficio politiche giovanili di Acireale Giuseppina Rubino, e sarà importante per tutti noi riflettere sull’importanza sociale della lingua dei segni che dà la possibilità di mettere in comunicazione due mondi solo apparentemente distanti”.

Per seguire i podcast basta collegarsi ai siti:
www.polimniastudios.it/anginradio/
www.spacemusicacireale.it

E alle pagine social:

Facebook: ANG In Radio Sicilia – Giovani che lasciano il segno
Instagram: ang_giovanichelascianoilsegno

Graziella Tomarchio