Presentazione ieri, del libro ” Vizi dell’anima a Cardomomo” di Roberta Tomarchio presso il cinema Margherita.

Ieri, presso la sala del cinema Margherita di Acireale, si è svolta la presentazione del nuovo libro, “Vizi dell’anima e cardomomo”, di Roberta Tomarchio.
È stato un incontro molto interessante organizzato dall’ Istituto d’Istruzione Statale Superiore Filippo Brunelleschi, che negli anni scorsi fu proprio la scuola frequentata dall’autrice, al quale hanno partecipato gli studenti del biennio e triennio e la cui relatrice è stata la prof.ssa Donatella Giuffrida, ex insegnante dell’autrice.

I giovani studenti sono stati attenti e hanno partecipato attivamente alla presentazione interagendo con l’autrice e tanti di loro hanno letto alcuni brani del libro e ad ogni brano letto, veniva successivamente estrapolato e trattato un tema, approfondendone i contenuti insieme all’autrice e a tutti gli altri studenti. Tra gli argomenti trattati c’è stato quello del “post diploma”, ovvero di quel periodo che i giovani affrontano subito dopo il diploma, caratterizzato da nuovi inizi, da interrogativi sul futuro lavorativo, da progetti e sogni dei neo diplomati che vivono quella fase come l’inizio di un viaggio che li porterà ad esplorare e a conoscere nuovi mondi. Subito dopo si è passati a discutere su un’altra scelta post diploma importante, quella che riguarda il mondo universitario.
La realtà della vita che si presenta davanti ad ognuno di loro, obiettivi da raggiungere, la realizzazione dei propri sogni e i fallimenti da mettere in conto.
Nella terza parte della giornata, tra una lettura e l’altra, e sempre prendendo spunto dal libro e dalla sua protagonista, Isabella, si è discusso delle donne in carriera.
Isabella è infatti una giovane ragazza siciliana che nonostante i pregiudizi che esistono ancora all’interno del paesino in cui vive, con determinazione e tanta buona volontà riesce ad emergere, raggiungendo i suoi obiettivi con coraggio, accompagnata dal suo senso di libertà e dal suo essere un’inguaribile romantica, insieme alle sue incertezze di giovane donna, caratteristiche che saranno la cornice di intrecci sentimentali pieni di sfumature ed emozioni molto forti. Molta suspence caratteriza la trama del libro e la vita di Isabella, dove tutto non sarà come sembra e che tanti saranno i contrattempi che cambieranno il corso del suo destino.

La prof.ssa Donatella Giuffrida, ex insegnante dell’autrice, ha spiegato ai giovani presenti in sala il carattere della sua ex alunna, conoscendola bene infatti, riesce a trarne tutte le sfumature della sua personalità :
“Roberta, come avete potuto capire, è una ragazza che vive di sentimenti, è stata un’alunna che ha dato tanto a noi professori e ai suoi compagni di classe. Con i suoi silenzi e con la sua emotività, Roberta ha dempre dato dimostrazione di avere dei sentimenti particolari e profondi e conosce bene già il valore dell’amore in tutte le sue sfaccettature, vivendo ogni attimo senza mai tirarsi indietro.”

Entrare nel mondo interiore della scrittrice Roberta Tomarchio equivale a mettere a nudo i suoi pensieri, i suoi sogni e il suo cuore. Un mondo interiore fatto di gentilezza, di bellezza e di una squisita sensibilità che il lettore imparerà a conoscere ed apprezzare attraverso le pagine del suo libro.
L’autrice con questo romanzo mette a nudo i suoi sentimenti, le sue emozioni più profonde e quasi il lettore riuscirà a sentire le pulsioni del suo cuore puro e a vederne la sua anima bianca. Il suo modo di scrivere si intreccia a desideri sognati a volte non realizzati e ad una maturità letteraria carica di intensità emotiva ed espressiva che traspare tra le righe delle pagine del suo romanzo.

(La Trama)

Questo romanzo profuma di spezie, amore, passione. Pagina dopo pagina prende forma “un disegno sentimentale” carico di sfumature suggestive e misteriose, che rende l’intera opera una giostra emotiva per il cuore di ogni lettore. Ambientata nella Sicilia contemporanea, ma non per questo priva di pregiudizi, la storia è ricca di personaggi che inizialmente appaiono come adolescenti, sognatori e artisti, appena diplomati, che però si scontreranno con inevitabili percorsi di crescita. Intrighi e colpi di scena portano la protagonista, Isabella, a fuggire dalla sua terra per scalare le vette come scrittrice e insegnante all’estero, nonostante sia incastrata nel ricordo di un grande amore . Isabella viaggia parecchio per interpretare al meglio i propri romanzi: scoprire i colori, i sapori e le caratteristiche di nuove culture con la sensibilità e la poesia che la contraddistinguono.

Roberta cosa ti ha spinto a scrivere questo libro?

“Grazie a quell’ispirazione profonda che ti permette di percepire, improvvisamente, ogni cosa come sublime e meravigliosa. Tutto intorno diventa arte, come la poesia che sembra recitare la caffettiera, mentre per gli altri, magari, sta solo gorgogliando. Scrivevo anche di notte, mi tremava il cuore. Ogni pagina è stata creata con puro sentimento, avevo dentro una bomba nucleare di emozioni. Ho voluto lanciare dei messaggi sottili, quasi impercettibili, a chiunque lo legga, spero vengano colti tra le righe. Sono emozionata e impaziente di raggiungere quell’intimità speciale che intercorre tra lettore e scrittore; è inevitabilmente, perché si condivide improvvisamente la stessa pelle. “

Roberta Tomarchio nata a Catania nel 1994. Pubblica il suo primo romanzo all’età di 18 anni. Consegue il diploma ed ha una breve esperienza come “operatore turistico”. Diventa mamma molto giovane, di due bambine. A distanza di anni scrive il suo secondo romanzo “Vizi dell’anima e cardamomo”

È partita da qualche tempo la campagna Crowdfunding con bookabook per il libro di Roberta. Come funziona? Pre – acquistando una copia online sosterrete il progetto per la pubblicazione e la sua distribuzione negli store online (Kindle, Amazon) e nelle librerie ( Feltrinelli, Mondadori, Ubik)

link del libro

Graziella Tomarchio