Regolamento Incarichi e Affidamenti Diretti,

Il Comune di Acireale approva in data 6/12/2019 il regolamento per il conferimento d’incarichi esterni di collaborazione, ovvero le modalità per utilizzare prestazioni professionali al di fuori delle risorse interne dell’amministrazione comunale. Un sistema basato sulla selezione dei candidati che esclude il ricorso all’incarico diretto ad eccezione di alcune figure professionali legate ai lavori pubblici e quelle strettamente fiduciarie, anche se a chi scrive non è chiaro quali siano.

In base al regolamento che il Comune di Acireale si è dato, gli incarichi esterni di consulenza e studio,necessari alle varie esigenze dell’amministrazione, dovrebbero essere affidati con procedure di evidenza pubblica, conseguenti quindi ad un avviso, gara, ecc.

L’amministrazione poi, in base alle offerte pervenute, decide secondo i criteri di bando la scelta del contraente a cui affidare l’incarico, insomma l’obiettivo è quello di evitare gli affidamenti senza gara che in passato sono stati spessi usati ed abusati.

Però, negli ultimi mesi abbiamo avuto:

La delibera di Giunta n° 201 del 29/10/2019 che affidava un incarico all’Università Kore di Enna per uno studio funzionale al Pai da ultimare in Aprile per un importo di 15.000€

La determina 136 del 26/3/2020 in cui l’Amministrazione Comunale affidava direttamente  l’incarico per il servizio di “REDAZIONE DELLO STUDIO DI COMPATIBILITA’ GEOMORFOLOGICA E RICLASSIFICAZIONE DELLA PERICOLOSITA’ FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELLA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA N° 43 DEL 14/05/2015 NELLA FRAZIONE DI POZZILLO” ad un professionista esterno, contattato per le vie brevi, per un importo di 1.900€

La delibera 275 del 30 dicembre 2019 la Giunta Comunale approva lo “Schema di accordo di collaborazione scientifica tra la citta di Acireale e l’Università di Catania, finalizzato all’attività di studio, ricerca, collaborazione, supporto metodologico e tecnico scientifico per la redazione di studi specialistici di settore per la revisione del Piano Regolatore Generale.” per un importo di 100.000,00€

ed oggi si ripresenta lo stesso meccanismo di affidamento diretto per il progetto di Agenda Urbana.

Si tratta delle indagine geologiche per il PROGRAMMA OPERATIVO FESR SICILIA 2014/2020 – ASSE PRIORITARIO 4 –
AZIONE 4.6.1 “REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E NODI DI INTERSCAMBIO FINALIZZATI ALL’INCREMENTO DELLA MOBILITA’ COLLETTIVA E ALLA DISTRIBUZIONE ECOCOMPATIBILE DELLE MERCI E RELATIVI SISTEMI DI TRASPORTO.
AFFIDAMENTO SERVIZI DI GEOLOGIA DETERMINA A CONTRARRE AI SENSI DELL’ART. 32 COMMA 2 DEL D.LGS. N. 50/2016 E SS. MM. E II. – SMART Nell’ambito del PO FESR Sicilia 2014/2020 AGENDA URBANA CATANIA –

Il progetto fa parte di un gruppo di tre bandi europei finalizzati alla mobilità metropolitana di cui abbiamo parlato precedentemente

Il progetto cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale è inerente ai lavori pubblici (opere e impiantistica) per la selezione dei beneficiari del contributo al fine di realizzare infrastrutture e nodi di interscambio finalizzati all’incremento della mobilità collettiva e alla distribuzione ecocompatibile delle merci e relativi sistemi di trasporto;
· Il risultato atteso è quantificato attraverso i seguenti parametri indicatori:

  • Utilizzo di mezzi pubblici di trasporto da parte di occupati, studenti, scolari e
    utenti di mezzi pubblici;
  • Emissione di gas a effetto serra da trasporti stradali;
  • Concentrazione di PM 10 nell’aria dei Comuni capoluogo di Provincia
    · La dotazione finanziaria dell’Avviso sopra citato è pari a euro 13.865.000,00;
    · Al fine di garantire la qualità delle prestazioni e il rispetto dei principi di concorrenza, economicità e correttezza nella realizzazione delle operazioni ammesse a contributo, il Beneficiario è tenuto ad applicare la normativa comunitaria, nazionale e regionale in materia di appalti pubblici di lavori servizi e forniture;
    · L’Avviso sopra indicato è rivolto esclusivamente ai Comuni di Catania ed Acireale in qualità di Enti Locali facenti parte dell’Agenda Urbana di Catania in Ati con la Città di Acireale coerentemente con quanto previsto nel documento della
    Strategia di Sviluppo Urbano Sostenibile approvato con la Convenzione n. 1500 del 06.09.2019;
    · L’azione prevede la realizzazione di infrastrutture di interscambio modale finalizzate ad ospitare i terminal di bus del trasporto pubblico locale che, grazie alla stretta interconnessione col sistema della mobilità su ferro, garantiranno
    l’integrazione tra le diverse modalità di trasporto;
    · Gli interventi potranno riguardare, pertanto:
  • Piazzali (corsie di marcia, spazi di manovra, stalli, marciapiedi, cabina per il controllo del movimento dei veicoli), pensiline di protezione per viaggiatori;
  • Fabbricato viaggiatori (sala di attesa, biglietteria, ufficio informazioni, servizi
    igienici), Servizi di ristoro (bar);
  • Impianti (compreso videosorveglianza);
  • Interventi di efficientamento energetico.

Si Tratta quindi di un progetto importante per la città che prevede una serie d’indagini geologiche da eseguire in fretta.

L’amministrazione ancora una volta sceglie la procedura dell’affidamento diretto e lo fa in considerazione dell’urgenza di dover partecipare all’Avviso che scade il 16.06.2020, entro quella data pertanto, si dovrà avere un progetto preliminare completo d’indagini e studio di fattibilità .

Il Comune per ragioni di tempo, procede all’affidamento diretto, in questo caso la deroga al regolamento è prevista in quanto l’ART.2 prevede l’esclusione per i lavori pubblici, ma il Comune nel 2018 con la delibera 32, restringeva l’ambito di applicazione del ricorso all’affidamento diretto l’anno scorso, ed affida ad un professionista di assoluta qualità anche questo incarico per un importo complessivo di € 5.102,04;

Personalmente, credo che il regolamento sugli incarichi esterni e la limitazione all’affidamento diretto, siano inconciliabili con alcune esigenze di rapidità di risposta della pubblica amministrazione, il codice degli appalti e dei contratti, prevede già la possibilità di affidare con urgenza un incarico qualora ne ricorrano le condizioni, ma se l’amministrazione ha deciso di scrivere un regolamento specifico ma lo deroga costantemente, forse sarebbe opportuno non tenerne conto.

Fabio D’Agata