Salotto letterario promosso dalla Consulta della Cultura di Acireale. Incontro con lo scrittore acese Rosario Russo.

Ieri sera presso l’anfiteatro della Villa Belvedere si è tenuto l’incontro con lo scrittore acese Rosario Russo, ospite del salotto letterario curato dalla scrittrice Rita Caramma e dal presidente della Consulta della Cultura Salvo Emanuele Leotta.

Rosario Russo autore del romanzo “Quattordici Spine” in questi anni si è distinto per 𝐝𝐢𝐯𝐞𝐫𝐬𝐢 𝐫𝐢𝐜𝐨𝐧𝐨𝐬𝐜𝐢𝐦𝐞𝐧𝐭𝐢, quali il “Premio nazionale Poeta per caso 2018”, il “Premio Letterario Acese 2018”, ottenuti per il suo primo romanzo “Il martirio del Bagolaro” .

Ieri sera, Rosario è stato intervistato dalla giornalista Gabriella Puleo ed è stato un piacevole momento perchè ci ha fatto conoscere ancor meglio la personalità di questo ragazzo che nonostante i suoi successi letterari, è rimato comunque molto umile e con tanta voglia di continuare e coltivare questa sua passione che è la scrittura.

– Un autore che ha un grande pregio afferma Rita Caramma nella sua presentazione di apertura: ” Un giovane che ha il pregio di studiare Acireale è avuto già modo di dimostrarlo con il suo primo romanzo “Il Martirio del Bacolaro” facendo uno spaccato storico della città. Studiare per conoscere la propria terra significa amarla e la possibilità di amarla si ha solo studiando. Rosario non ha mai smesso di farlo e si vede da come scrive, dall”impegno che mette e dalla sua grande umiltà nel presentare i suoi testi.”

– Passata la parola alla giornalista Gabriella Puleo che innanzitutto ringrazia il presidente della Consulta della Cultura Salvo Emanuele Leotta, per il grande lavoro che ha svolto non essendo semplice riuscire ad organizzare per i due fine settimana trascorsi l’evento “Le vie dell’Arte” che ha racchiuso nel suo interno tantissime belle iniziative culturali: ” Speriamo che questa prima edizione, questo anno zero come lo abbiamo chiamato possa essere veramente, l’inizio di un lungo periodo e una fase di rinascita per la nostra Acireale.
Particolarmente felice pure, di aver avuto la possibilità di conoscere Rosario Russo. In queste settimane ho avuto il piacere di leggere il suo romanzo e tante sono state le cose che mi hanno colpita. L’ho letto pian, piano per assaporarlo ed entrare all’interno di ogni pagina e cosi facendo, ho avuto modo di conoscere non soltanto i personaggi che man mano si avvicendavano tra le pagine ma credo di avere avuto modo di conoscere un pò anche Rosario. Non sto qui a dirvi o ad elencare le capacità di cui dispone questo giovane ma voglio solo augurargli di cuore un grande, grandissimo successo perchè la sua è una scrittura piacevolissima, scorrevole e soprattutto una scrittura di alto livello”

“Quattordici Spine” un bellissimo viaggio guidato dal protagonista dott. Traversa che ci accompagna all’interno di una meravigliosa città barocca, piena di storia e cultura; Ci accompagna per le vie di Acireale sicuramente per risolvere un caso e chissà forse per ritrovare pure se stesso.
Rosario Russo: “il mio sogno rimane sempre quello di un giorno poter insegnare e continuare a coltivare questa mia passione che è scrivere”

Noi ci auguriamo che tu possa sempre scrivere con passione e per passione e che ci possa condurre a conoscere sempre più la nostra città, i suoi misteri, la sua bellezza e la sua storia.

Graziella Tomarchio