Savanarola show ed esordio col botto: Acireale-Licata 2-0, il racconto…

Basta un Savanarola in formato colossal ad abbattere un Licata giunto ad Acireale dopo l’ottima vittoria contro il Troina. Eppure i gialloblu giocano anche un buon primo tempo, ma alla fine sarà troppo Acireale per riuscire a portare a casa il risultato. Belli a metà, dalla seconda frazione in poi, con un primo tempo (più Licata che Acireale) non proprio convincente, dove ad ogni modo la sofferenza è stata ben limitata a due soli calci piazzati da fuori. Alla fine la superiorità tecnica prevale ed i granata salgono in cattedra facendo valere tutta la propria qualità.

Per il primo match ufficiale, Pagana opta per il 3-5-2. Non mancano le novità: tra i pali il classe ’01 Pitarresi, linea a tre formata da Silvestri, Sicignano e Orlando, cerniera di centrocampo composta da Crispini (’99), Barcio (’00), Tuninetti, Savanarola e Cannino (’00), davanti Rizzo ad ispirare l’unica punta Diop. Partono bene i granata, con Rizzo subito in palla ed è proprio dell’argentino la prima conclusione, ma il suo mancino da fuori è debole tra le braccia di Ingrassia. Al 9′ tocca a Pitarresi scaldare i guantoni, con Convitto che impegna l’ex Foggia con un insidioso calcio di punizione: sfera in angolo. Al 22′ è ancora Convitto su calcio piazzato a provarci, ma un attentissimo Pitarresi devia nuovamente in corner con un ottimo riflesso. A metà tempo qualche scintilla tra Diaby e Silvestri, per questo l’arbitro segnala ben tre minuti di recupero. Proprio allo scadere dell’extra time, Rizzo riceve palla in zona pericolosa, entra in area saltando tre avversari, tacco per Diop che appoggia per Savanarola, che con una botta mancina mette la sfera sotto il sette. E’ 1-0 Acireale, freddissimo il capitano, ma sopraffina la giocata di Nicolàas Rizzo. Esplode il tifo di casa e termina qui la prima frazione di gioco.

Nella ripresa, granata molto più convinti fin dalle prime battute. Già al 47′ sale in cattedra Savanarola che duetta bene con Diop, serve poi con un filtrante l’inserimento in area di Rizzo, ma il mancino dell’argentino termina di poco a lato. Un minuto più tardi ci prova invece Crispini che prova la botta da fuori, smorzata però da una deviazione avversaria. E’ dunque l’ora dei cambi, con Pagana che richiama Diop e Cannino per far posto a Raucci e Chiacchio. Siamo al minuto 74′, quando l’Acireale conquista un ottimo calcio di punizione sulla zona sinistra offensiva. Si incarica della battuta Rizzo, che disegna una parabola telecomanata per lo splendido inserimento di capitan Savanarola: colpo di testa ravvicinato e palla all’angolino. Due a zero Acireale e doppietta del capitano granata. Col risultato al sicuro, girandola di cambi da una parte e dall’altra con Pagana che giustamente concede la meritata standing ovation al proprio numero 7. Partita in ghiaccio, ma al 90′ inoltrato c’è ancora tempo per assistere alla grandissima parata di Pitarresi sul bel tiro a giro dalla sinistra di Convitto. Arriva poi il triplice fischio che mette fine alla contesa: l’uragano Savanarola abbatte il Licata, Acireale che accede quindi al prossimo turno di Coppa Italia.

Giorgio Cavallaro