Sicilia, i numeri da tenere a mente

Il vizio  dei siciliani è quello di dimenticare e spesso non conoscere per niente i veri mali che affliggono, da troppo tempo, l’isola. Bypassando il dato inerente le risorse che porta via la corruzione politica, la grande evasione fiscale e le mafie, si può cercare di capire in che condizioni stanno i siciliani andando a leggere alcuni dati che si riferiscono alle principali aree che intervengono e condizionano la qualità della vita.

Il dato (2015) che inquieta, tra i tanti, è quello relativo alle famiglie che non riescono a risparmiare o a far fronte a spese impreviste per anno (59,7%) – Ed ancora sempre pesante il tasso di persone in cerca di occupazione. Secondo il rapporto (Eurostat) in Sicilia il tasso di disoccupazione (2016) supera il 22%

Qualche altro dato meno recente.

Per il macro-indicatore ambiente la Regione Sicilia si trova al 14° posto nella graduatoria delle regioni italiane. Per il macro-indicatore Economia e Lavoro la Regione Sicilia si trova al 19° posto nella graduatoria delle regioni italiane. Per il macro-indicatore Diritti e Cittadinanza la Regione Sicilia si trova al 19° posto nella graduatoria delle regioni italiane Per il macro-indicatore Istruzione e Cultura la Regione Sicilia si trova al 18° posto nella graduatoria delle regioni italiane. Per il macro-indicatore Salute la Regione Sicilia si trova al 18° posto nella graduatoria delle regioni italiane. Per il macro-indicatore Pari Opportunità la Regione Sicilia si trova al 16° posto nella graduatoria delle regioni italiane. Per il macro-indicatore Partecipazione la Regione Sicilia si trova al 18° posto nella graduatoria delle regioni italiane.

Per l’indicatore generale QUARS Qualità Regionale dello Sviluppo la Regione Sicilia si trova al 18° posto nella graduatoria delle regioni italiane.

La Regione Sicilia ha un indice QUARS Qualità Regionale dello Sviluppo più favorevole (1 punto su 20) dell’indice PIL Prodotto Lordo Interno pro-capite. Si attesta, comunque, verso le ultime posizioni della classifica nazionale delle regioni: QUARS al 18° posto su 20, PIL pro-capite al 19° posto su 20.

Nella valutazione del QUARS Qualità Regionale dello Sviluppo la Sicilia è diciottesima su venti.

Spesa pubblica la Sicilia si trova, però, all’8° posto nella graduatoria delle regioni italiane.

La regione Sicilia soffre da troppo tempo anche se sembra proprio che i dati devastanti non sono ancora sufficienti per far comprendere ai siciliani che è tempo di cambiare lo stato delle cose attraverso una partecipazione consapevole alla vita pubblica e sganciandosi dalla rete del voto clientelare che neutralizza le intelligenze e desertifica il territorio facendo scappare dall’isola i giovani migliori.

(mAd)