SPAGHETTI CACIO E PEPE

Buongiorno liberi navigatori.

Oggi per la rubrica “Panza e Prisenza” vi proponiamo un ricetta tipica della cucina romana, gli “Spaghetti cacio e pepe” che insieme alla carbonara e all’amatriciana sono i piatti più conosciuti e amati nel mondo.

“Maccaroni! …uhm… maccarò! Questa è robba da carettieri. I nu’ mangio macaroni, io so’ americano”. Ma anche Albertone, di fronte al quel piatto fumante di spaghetti cede: “Macarò… m’hai provocato e io te distruggo, macaroni! I me te magno!”
Citazione di Alberto Sordi dal film “Un americano a Roma”

Agli spaghetti proprio non si resiste. Rappresentano, insieme alla pizza, il piatto tipico delle cucina italiana più conosciuto e apprezzato nel mondo. Piacciono a tutti e in tutti i vari modi vengono cucinati, anche con il condimento più semplice, sono sempre gustosi.

La pasta cacio e pepe è una ricetta tradizionale facile e veloce, molto diffusa nel Centro e nel Sud Italia in particolare a Roma, dove se ne rivendica la paternità. Un primo piatto antico tramandato fino ai nostri giorni dai pastori di Lazio e Abruzzo che, nella sua estrema semplicità ha un sapore davvero speciale. Ha il vantaggio inoltre di poter essere preparato in pochissimi minuti ed è un vero e proprio jolly perché si condisce con due soli ingredienti reperibili con comodità in qualunque dispensa: il pecorino e il pepe, che devono però essere assolutamente di qualità.

INGREDIENTI

320 gr pasta di semola (di grano duro)

200 gr pecorino romano

2 cucchiai pepe nero

1 cucchiaio olio di oliva extravergine

sale

PREPARAZIONE

Lessate la pasta di semola di grano duro in una pentola con acqua leggermente salata e aggiungete un cucchiaio di olio extravergine d’oliva. Nel frattempo frullate nel frullatore, o pestate grossolanamente nel mortaio, un cucchiaio di pepe nero in grani e grattugiate in una terrina capiente (preferibilmente pre-riscaldata) il pecorino romano.

A cottura quasi ultimata, prelevate un paio di mestoli di acqua di cottura della pasta e tenetela da parte.

In una terrina, aggiungete il pecorino grattugiato e metà del pepe, aggiungete anche, qualche cucchiaiata di acqua. Mescolate con cura e con attenzione, l’obiettivo è ottenere una crema densa e senza grumi.

Quando la pasta è al dente scolatela velocemente senza farla asciugare troppo e versatela nella terrina con la crema di formaggio, il pecorino con l’umidità degli spaghetti si scioglierà definitivamente (se così non fosse aggiungete ancora pochissima acqua). Spoverizzate con il pepe rimasto e mescolate energicamente con dei forchettoni da insalata.

Impiattate gli spaghetti cacio e pepe nei piatti singoli e portateli in tavola immediatamente accompagnandoli con il macinino del pepe e una ciotolina di pecorino grattugiato a parte. I vostri ospiti potranno, a piacere, aggiungerli autonomamente. (Foto Web)

Buon appetito da
(Panza e Prisenza)