Viale Colombo, le modifiche al semaforo e il traffico impazzito. Sperimentazione bocciata dagli automobilisti

ACIREALE – Il viale Colombo e la “trovata” dell’assessore Di Prima di portare da quattro a tre i tempi dei semafori non trova consensi tra gli automobilisti e i pendolari che provengono da Piano d’Api ed in generale dalla zona nord della città.

Una modifica che se riduce di poco il tempo di attesa della luce verde dei semafori, allo stesso tempo costringe chi proviene da nord ad immettersi sul viale Colombo a raggiungere la rotatoria e ritornare indietro per poi immettersi in via Lazzaretto ma anche, più semplicemente, per percorrere il viale Colombo in direzione sud. Un disastro.

Negli orari di punta (entrate ed uscita degli studenti di vari istituti scolastici) e dopo le 18 al semaforo che incrocia via Lazzaretto con viale Colombo è il caos e, costa precisare, tutto ciò era stato ampiamente prevedibile. Sembra proprio che il “sentire” dei cittadini sempre più spesso sia più attinente alla realtà che non quello degli amministratori. Ogni iniziativa sembra essere dettata da alcuni requisiti: la concezione tutta acese del provvedimento sperimentale e l’improvvisazione insieme alla poca conoscenza del territorio e delle difficoltà dell’uomo comune. Insomma come se ci fosse un continuo andare controcorrente con i critieri di vivibilità. Il tutto è iniziato con l’apertura di piazza Duomo al traffico veicolare ed è continuato con una inutile e inefficace zona 30 per arrivare con la sperimentazione nel semaforo di viale Colombo che sembra proprio essere la ciliegina sulla torta.

A giustificazione diranno che si tratta di un provvedimento sperimentale e forse anche provvisorio ma resta il fatto che di queste improvvisazioni non se ne sente proprio il bisogno e, le stesse, sono sempre più spesso dei clamorosi autogol. La prova è stata fatta e suonano davvero intrise di improbabile ottimismo le parole dell’assessore Mario Di Prima quando ha affermato che il provvedimento avrebbe dovuto comportare “una maggiore fluidità del traffico nello specifico, quello che verrà veicolato in maniera più razionale, sarà il traffico proveniente dalla frazione di Piano D’Api, il semaforo verrà eliminato e verrà consentito il passaggio in corsia fino alla rotonda centrale in via Cristoforo Colombo e così, verso qualsiasi direzione“. Non è andata come pensava e sperava l’assessore alla Polizia Municipale e i mugugni e le lamentele degli automobilisti “nei socialsono state numerose.

Ancora un’altra sperimentazione andata a finire con i fischi di una sempre più larga platea di cittadini che vedono nell’amministrazione Alì solo confusione e provvedimenti inefficaci se non controproducenti.

(mAd)