ZTL, commercianti del centro spengono le luci. Garufi: “Prima i servizi”. Nicolosi: “Grande adesione degli esercenti”.

ACIREALE – Ieri sera (16/12/2019) gli esercenti del corso Savoia (da porta Gusmana al Duomo) e quelli del corso Umberto (fino all’incrocio con via P. Vasta) hanno manifestato il loro dissenso spegnendo le luci delle vetrine dei negozi, verso i provvedimenti ballerini dell’amministrazione Alì in tema di mobilità e di vivibilità.

Luci spente in corso Umberto

Gli esercenti non si sono dichiarati contro la ztl ma affermano che prima di istituire limitazioni al traffico veicolare è necessario rendere attrattivo e maggiormente vivibile il centro cittadino.

Abbiamo sentito durante la protesta il signor Marco Garufi che ha affermato: “Noi non siamo contrari alla ztl ma non condividiamo così come è stata istituita, fermo restando che, a mio parere, il corso Savoia è inadeguato alla zona a traffico limitato. Siamo convinti che è necessario prima di partire con la ztl che vi siano bus navetta, arredo urbano, illuminazione decente, pulizia e decoro della vie del centro, parcheggi ed eventi ma vediamo che di tutto questo siamo indietro anni luce. E’ inaccettabile – continua Garufi – fare la ztl proprio nel momento in cui noi esercenti dovremmo lavorare maggiormente, non comprendiamo queste improvvisazioni a cosa portano. Questa nostra non è un’azione contro l’amministrazione ma una protesta per far capire che siamo stanchi e vogliamo essere agevolati ed aiutati”. Se c’è una città vivibile – conclude Garufi – allora tutto potrebbe avere senso ma non così. Bisogna partire dai servizi”.

Luci spente in corso Savoia

Il comitato spontaneo che è sorto in questi giorni ha certamente riportato una significativa adesione alla protesta. Abbiamo sentito Concetto Nicolosi esercente di porta Gusmana. Afferma Nicolosi: “Corso Savoia e Corso Umberto per oltre il 90% ha aderito all’azione di protesta che abbiamo voluto mettere in atto. Prima i servizi, poi anche la ztl. In corso Umberto per alcuni minuti abbiamo fermato alcuni automobilisti in transito per spiegare loro i motivi della protesta”.

Luci spente in corso Umberto

Dopo le luci spente di ieri continuerà la protesta degli esercenti o assisteremo ad un’altra clamorosa marcia indietro da parte dell’amministrazione Alì? Di fatto con i tanti provvedimenti in tema di moblità l’amministrazione e l’assessore al ramo, ad oggi, non hanno fatto altro che scontentare tutti.

(mAd)nella foto di copertina Marco Garufi (commerciante)