Acireale – In arrivo un commissario di “alto profilo”. I dirigenti politici alla ricerca di un nome da candidare per la guida della città.

ACIREALE – Sarà presto in arrivo al Comune di Acireale, un commissario di “alto profilo” che dovrà traghettare la città fino alla data delle prossime elezioni amministrative. La data delle elezioni ancora non si conosce, l’ipotesi più accreditata sembra essere quella del 10 giugno 2018 ma potrebbe anche slittare per l’anno successivo: giugno 2019 che rappresenterebbe quella che sarebbe dovuta essere la scadenza naturale del mandato sindacale.

Il consiglio comunale tornerà a riunirsi il 20 marzo per approvare il bilancio di previsione, poi gli impegni del consiglio potrebbero anche essere considerati esauriti. Intanto i dirigenti politici si incontrano per cercare di produrre un nome spendibile per la candidatura alla carica di sindaco della città.

Dai rumors possiamo affermare che il centrodestra potrebbe affidarsi ad un “civico” anche se questa soluzione sembra spaccare la coalizione e non troverebbe la convergenza di tanti esponenti della compagine guidata da Basilio Catanoso. Il progetto Cambiamo Acireale continua? Una domanda complessa a cui è arduo dare risposte chiare e definitive, certamente la compagine guidata dall’on. Nicola D’Agostino non sembra intenzionata ad avanzare nomi, più che altro aspetta proposte e l’unità (in coalizione e politica) con il PD acese. C’è anche da dire che lo stesso PD non sembra essere compatto su una formula politica e neanche sulla rosa dei nomi dei candidati da proporre ad una coalizione ancora tutta da costruire.

Il Movimento 5 Stelle seguirà la procedura consueta per definire il nome del candidato sindaco, oppure, vista l’emergenza amministrativa e politica, apriranno le loro porte anche a proposte che possano arrivare dal mondo del civismo acese? Riusciranno a trovare uomini e donne in grado di raccogliere i consensi necessari almeno per arrivare al ballottaggio? Si, perchè un ballottaggio è assai probabile se consideriamo che altri uomini politici stanno pensando di scendere in campo per proporre la loro candidatura.

Al momento sembra che sono tutti intenti a cercare il nome di alto profilo, un nome che possa unire e che non sia eccessivamente identificabile con la coalizione che eventualmente lo sosterrebbe. Ci sono altri nomi che sembrano destare l’interesse tra gli “addetti ai lavori”? Si, certamente ma aspettiamo ancora di conoscere la data delle elezioni per descrivere i movimenti che si registreranno tra le formazioni politiche, l’associazionismo e la società civile acese.

(mAd)