ACIREALE, BILANCIO PARTECIPATO 2017. LE SCHEDE DI PARTECIPAZIONE, 20 GIORNI PER PRESENTARE LE PROPOSTE

mod-1

Il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, comunica che la giunta comunale ha approvato le linee guida del Bilancio partecipato 2017. Il primo cittadino annuncia tempi rapidi per la programmazione finanziaria del Comune di Acireale, che punta ad approvare a novembre il prossimo bilancio di previsione.

Le linee guida e la schede di adesione saranno pubblicate a partire da oggi nell’apposita sezione sul sito del Comune di Acireale. I cittadini che vorranno contribuire alla stesura del bilancio partecipativo, formulando proposte per far sì che si trasformino in fatti e opere concrete, dovranno compilare l’apposita scheda, che può essere scaricata dal sito internet del Comune www.comune.acireale.ct.it oppure ritirata negli uffici comunali del settore Programmazione e Gestione Contabile Finanziaria di via Lazzaretto.

Le proposte potranno essere consegnate presso l’Ufficio protocollo del Comune in via degli Ulivi, inviate tramite posta mediante raccomandata con ricevuta di ritorno, email ordinaria a bilanciopartecipato@comune.acireale.ct.it , posta elettronica certifica protocollo@pec.comune.acireale.ct.it , entro venti giorni a partire da oggi, martedì 13 settembre, data di pubblicazione della delibera.

«Anche quest’anno vogliamo coinvolgere tutta la cittadinanza nella programmazione finanziaria del Comune. Inviamo a partecipare tutti i cittadini, le associazioni, gli enti del territorio comunale, che vorranno essere parte attiva delle politiche pubbliche. L’esperimento avviato nel 2015, fin dai primi mesi dopo l’insediamento dell’Amministrazione, e proseguito nel 2016 è stato entusiasmante per noi e per chi ha partecipato e continueremo a riconoscere alla cittadinanza il diritto e il potere di dare indirizzo ad un parte del documento finanziario della Città,- afferma il sindaco Roberto Barbagallo-. Invito chiunque abbia dei progetti strategici per la nostra città a scaricare la scheda dal sito del Comune e a contribuire perché l’ente pubblico non è solo erogatore di servizi, regolamenti, limiti, sanzioni, ma organizzatore della convivenza civile nella più ampia accezione sociale››.

SCARICA I MODULI

mod-2mod-3mod-4mod-5mod-6mod-7