mercoledì, Giugno 29, 2022
Google search engine
HomeNewsAcireale fuori dai circuiti della cultura. Vergogna.

Acireale fuori dai circuiti della cultura. Vergogna.

Pubblicati due bandi europei che finanziano investimenti sui beni culturali. Grandissima ed amarissima sorpresa quando ho scoperto che Acireale non può partecipare.

I beni del territorio di Acireale non possono ricevere finanziamenti perché il patrimonio di Acireale non può appartenere ai “Luoghi della Cultura”.

Possono ricevere finanziamenti 105 beni appartenenti a Stato, Enti Locali, Enti ecclesiastici e Fondazioni ma non devono essere ad Acireale.

Per assurdo possono essere finanziati beni appartenenti alla diocesi di Acireale, ma localizzati ad Aci Catena, a Castiglione o Linguaglossa, non quelli di Acireale.

E perché tutto ciò? Perché il Decreto Assessoriale n. 2997 del 30/06/2017 che stabilisce i luoghi della cultura individua immobili che sono localizzati nell’ambito dei Comuni presenti nel “Sistema degli attrattori”, dove sono stati individuati i comuni che definiscono i contorni delle aree di attrazione culturale.

Ed Acireale secondo la regione Sicilia non è “Area di attrazione Culturale”.

Ci sono  Acicatena, Adrano, Belpasso, Biancavilla, Bronte, Castiglione di Sicilia, Giarre, Linguaglossa, Maletto, Mascali, Milo, Nicolosi, Pedara, Piedimonte Etneo, Ragalna, Randazzo, Sant’Alfio, Santa Maria di Licodia e Treccastagni. Ma non c’è Acireale.

Come è potuto sfuggire questo orrore ad Antonio Coniglio che è sempre attento al tema? Come è sfuggito all’Onorevole Nicola D’agostino che ci ha martellato durante questa campagna elettorale con i milioni e milioni di € che ha convogliato su Acireale?

Viene il dubbio che a questa amministrazione non interessi nulla dell’ambito culturale. Sono altri i temi che predilige, dove forse gli importi dei finanziamenti sono maggiori.

Nasce spontanea una domanda, qual’è l’idea di sviluppo che ha questa amministrazione su Acireale?

Questo è quello che pensa La comunità Europea sullo sviluppo della nostra terra:

La valorizzazione turistica del patrimonio della Regione Siciliana costituisce un’opzione strategica prioritaria del Programma Operativo, riconoscendo come driver della crescita regionale, la fruizione integrata delle risorse naturali, culturali e turistiche, coerente con l’approccio europeo alla crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva. Ed è in questo contesto che il Programma Operativo prevede tra gli interventi dell’Obiettivo Tematico n. 6 quello di promuovere l’uso efficiente delle risorse tangibili e intangibili che costituiscono la cultura e l’identità del territorio siciliano.

Cosa ci siamo persi (finora):

Obiettivo specifico 6.7 – Miglioramento delle condizioni degli standard di offerta e fruizione del patrimonio culturale nelle aree di attrazione

Azione 6.7.1

“Interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di attrazione di rilevanza strategica tale da consolidare e promuovere processi di sviluppo”

Azione 6.7.2

“Sostegno alla diffusione della conoscenza e alla fruizione del patrimonio culturale, materiale e immateriale, attraverso la creazione di servizi e/o sistemi innovativi e l’utilizzo di tecnologie avanzate.”

Alcuni dei luoghi della cultura oggetto del finanziamento
Tabella A – I grandi Attrattori (GA) individuati nei siti Unesco
Tabella B – Attrattori del patrimonio regionale di riconosciuta rilevanza strategica per i contesti territoriali
Tabella C – Aree di attrazione culturale

(stefano alì)

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments