Elezioni amministrative. ZTL? Alì: “con orari e stagioni” – Di Re: “con orari e velocità ridotta”

ACIREALE, elezioni amministrative – Ballottaggio.

Ho posto questa domanda ai candidati sindaco Alì e Di Re: “La ZTL di piazza Duomo è un valore importante che è stato raggiunto anche attraverso meccaniche di concertazione, difficoltà, proteste, richieste e tanto altro, chiedo ai candidati sindaco se, una volta eletti, intendendono riaprire (anche in tempi limitati e con orari definiti) piazza Duomo al traffico veicolare privato?

Stefano Alì: “Come è stata realizzata la Ztl è stato solamente porre delle transenne e questo non va bene perché non è stata abituata la gente senza aver intrapreso un percorso partecipativo. L’idea che ho è che la ztl, corso Umberto, centro storico e l’area di piazza Duomo, vanno di pari passo. Devono, cioè, essere  legate tra loro e quindi nell’accordo che cercheremo di raggiungere con i cittadini e con le associazioni di categoria è che le aree (corso Umebrto e piazza Duomo) siano realizzate insieme negli orari e nelle stagioni – perché anche le stagioni hanno un loro importanza – e devono camminare di pari passo. E’ chiaro che il percorso a cui bisogna arrivare è una città con indici di vivibilità più alti, quindi nel tempo e on un’adeguata azione a supporto come i bus navetta gratuiti (come aveva fatto l’amministrazione Barbagallo nel primo periodo), con l’apertura delle chiese anche in orari notturni, dovremmo riuscire a dare l’indicazione per cui negli orari in cui ci sarà la ztl i cittadini avranno un valore aggiunto, i commercianti avranno un valore aggiunto. Chiederemo ai commercianti di tenere i loro punti vendita aperti negli orari in cui ci sarà la ztl. Faremo, quindi, un’azione di concerto per rendere la città più attrattiva”.

Michele Di Re: “Io ho un obiettivo, se andrò ad amministrare, ed è quello di amministrare Acireale con i cittadini, non da solo e non solo con le forze dell’amministrazione. Qualsiasi decisione prenderà l’amministrazione la prenderà chiamando al tavolo i cittadini, gli enti, le associazioni di categoria e tutti queli che saranno interessati agli argomenti che l’amministrazione andrà a trattare. Sulla ZTl verranno chiamati i cittadini e le associazioni di categoria però, su questo argomento, ho un mio pensiero.  Io credo che la ZTL così come è stata realizzata è un errore, di fatto è un’isola pedonale e non una ztl. L’utilizzo dovrebbe essere modulato e dal punto di vista degli orari che da quello della velocità , quindi definendo orari di apertura e di chiusura certamente serali, quando il passeggio ed i tavolini fuori sono un piacere per tutti, per dare il centro storico senza il passaggio veicolare. Nelle ore del mattino indico il passaggio a velocità ridotta dei veicoli anche in considerazione della non organica presenza di parcheggi e di strumenti come il servizio navetta. Io farei un’apertura al traffico negli orari diurni e a velocità ridotta. Questo è il mio pensiero da confrontare con i cittadini di Acireale”.   

(mAd)