Ieri mattina presso il Palazzo di Città di Acireale, conferenza stampa per la presentazione del programma della “Settimana per i diritti delle persone con disabilità”

Ieri mattina nella sala stampa del Palazzo di Città di Acireale si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione del programma per “la Settimana per i diritti delle persone con disabilità 2019”. L’assesore alle politiche sociali Palmina Fraschilla ha illustrato il ricco programma che vedrà l’inizio della manifestazione a partire dal 28 novembre e fino al 3 dicembre. Un lavoro di programmazione tra il Comune di Acireale e molte delle Associazioni di volontariato presenti sul territorio.

Presente alla conferenza di presentazione il sindaco ing.Stefano Alì: “Riuscire ad essere di supporto e alleviare i problemi che ci sono in tante famiglie è molto importante. Noi che :siamo pubblica amministrazione abbiamo un ruolo e dobbiamo essere da supporto, dall’assistenza scolastica dei bambini con disabilità a quella della vita privata familiare.”.

L’assessore Palmina Fraschilla spiega invece come sia stata fondamentale la collaborazione delle Associazioni nella programmazione di questa settimana dedicata ai Diritti delle persone con disabilità. Ha sottolineato l’assessore l’importante contributo del dott. Riccardo Castro, Garante per le persone con disabilità:
“ll nostro impegno è quello di combattere continuamente per l’abbattimento delle barriere architettoniche . Purtroppo abbiamo ancora oggi, nonostante esista una legge, la n° 13 dell’89, sono moltissime restrizioni per i cittadini con disabilità ecco perchè bisogna anche sensibilizzare l’intera Comunità sui diritti che spettano alle persone con disabilità. Durante l’evento, avremo modo di parlare oltre che di diritti, pure di inclusione e abbattimento di barriere architettoniche e mentali. Voglio infine rivolgere un ringraziamento speciale all quarta commissione consiliare, soprattutto nella figure della consigliera Angela Marino, della dott.ssa Doriana Zappalà e del consiglire Martino Florio, che hanno proposto tutte le inziative e fattivamente hanno organizzato l’intero programma.”.

Il garante per i diritti delle persone con disabilità dott. Riccardo Castro, dichiara: “Negli ultimi anni si è alzato il livello di attenzione sulle problematiche della disabilità, grazie ad Associazioni come quella di Manuela Cirvilleri o di Mikela Finocchiaro, che sono veramente incisive sul territortio. Purtroppo in questa città c’è tanto da fare perchè ancora esistono molte barriere. Ho avuto modo di fare un sopraluogo nelle scivole che sono sempre occupate da macchine, barriere dunque culturali che persistono e che limitano ancora di più la vita del disabile. Questa settimana servirà anche per sensibilizzare. Ricordiamo a tutta la cittadinanza di partecipare al consiglio comunale speciale che si terrà il 28 novembre alle ore 9.30, per riflettere insieme, per accettare suggerimenti e per migliorare la vivibilità sul nostro territorio dei soggetti fragili.”.

In conferenza stampa erano presenti inoltre i consiglieri comunali, Martino Florio e Angela Marino, vari rappresentanti delle Associazioni di volontariato attive sul territorio come “Comunicare è vita” di Manuela Cirvilleri, che dichiara: “Grazie all’assessore Palmina Fraschilla e al dott. Riccardo Castro per la continua collaborazione e ascolto che ormai ci garantiscono, i risultati di ciò che state e stiamo facendo si vedono e credo che rispetto a molti altri comuni possiamo ritenerci fortunati perché finalmente investiamo un po’ più energie in cose belle da organizzare, invece che in battaglie da vincere.”.

E ancora, Mikela Finocchiaro, presidente dell’Associazione “20 novembre 1989 Onlus” che ha aderito al progetto : ” Ad oggi abbiamo nelle scuole un servizio eccellente perchè il comune di Acireale è riuscito a garantire da Pei il servizio di assistenza dell’autonomia alla comunicazione. In questa settimana faremo anche dei progetti nelle scuole, uno di questi ” Nei panni tuoi”, un laboratorio grazie al quale i bambini si metteranno nei panni dei nostri ragazzi, per capire, anche a livello sensoriale, cosa prova un bambino con autismo.”.

Enza Vasta, del direttivo dell’associazione Afae ( Associazione famiglie audiolesi etnee ): “La nostra associazione opera da 25 anni fornendo servizi alle famiglie con giovani, ragazzi e bambini audiolesi, con lo scopo di fare superare loro i limiti della sordità negli ambiti scolastici, lavorativi e in tutti le esperienze socio-relazionali. La lingua dei segni mi ha permesso infatti di diventare bilingue e di rendermi utile nel supporto di altre famiglie. Il 3 dicembre invitiamo tutti a vedere lo spettacolo dei nostri bambini e a condividere con noi questo momento di festa.”.

Il dott. Marco Terranova, medico del reparto di Odontoiatria riabilitativa, recentemente inaugurato presso l’ospedale di Acireale, molto soddisfatto dichiara: “Tengo a dire una cosa importante, per me in prima persona e per tutti gli altri miei colleghi, il trasferirci dalla nostra consueta attività catanese ad Acireale è stato un passo importante e più stiamo in questa realtà acese e più sentiamo il gusto di starci. Il solo fatto che questa città è in perfetta sintonia con quello che noi facciamo o meglio, quello che avremmo sempre voluto fare, mi fa e ci fa sentire a casa e posso assicurarvi che non è stato un trasferimento traumatico.”.

La consigliera Angela Marino, promotrice dell’iniziativa: “La settimana è organizzata dall’Assessore alle Politiche Sociali Palmina Fraschilla, dalla IV commissione consiliare, in sinergia con Riccardo Castro Garante dei Diritti delle Persone con Disabilità e le Associazioni che operano sul territorio. soprattutto le persone che compongono queste ultime sono la linfa vitale di questa città e che hanno promesso tutto ciò. Durante la conferenza L’Assessore ha sottolineato la necessità di incontrarsi almeno una volta al mese per fare il punto della situazione per raccontarsi, c’è la necessità di guardarsi negli occhi e condividere per riuscire a realizzare concretamente. Come ha evidenziato Manuela Cirvilleri, è grazie alle persone che vivono personalmente la disabilità che la strada non è sicuramente in discesa ma spianata per poter conquistare altro terreno. Dal canto mio mi auguro di non dover più organizzare una settimana “dedicata” all’inclusione , ma che l’inclusione diventi routine, quotidianità, qualcosa di ovvio da non doverne più parlare, solo allora potremo dire di aver raggiunto l’obiettivo prefissato.”.

Il consigliere Martino Florio, che con L’Associazione “Life” partecipa all’evento: ” Le persone con disabilità possono fare qualsiasi cosa, basta essere messe nelle condizioni di farlo. Faremo sabato 30 un convegno al Liceo Scientifico per parlare di sport, faremo vedere agli studenti delle immagini per promuovere lo sport come miglior mezzo di inclusione e come strumento per poter mettersi in relazione con gli altri. A fine convegno ci sarà una ballerina in carozzina con il suo ballerino che dimostreranno al pubblico la loro specialità, andando così ad arrichire questa giornata. Giorno 1 dicembre, con la quarta commissione, abbiamo organizzato una pedalata inclusiva tra persone con disabilità e non, alla quale invito tutti a partecipare.”

Presente anche una rappresentate dello Sportello Salute Mentale: ” Siamo quattro associazioni di familiari che collaborano con il dipartimento del comune di Acireale e di Giarre e da questo di Acireale abbiamo ricevuto veramente tanto supporto. Le associazioni dei familiari come ben sappiamo sono sempre le più motivate perchè hanno il problema sulla loro pelle e giustamente si battono per avere il meglio. La salute mentale non è mai stata ritenuta oggetto di finanziamenti o di attenzioni perchè purtroppo chi ha un problema mentale a volte, ancora, smette di essere una persone, smette di avere dirtitti e la persona perde valore quindi noi come associazionici battiamo affinchè queste persone malate abbiano la loro dignità nella società. In questo sportello ci riuniamo tutti i martedì dalle 9.30 alle 12.00 al vecchio Ospedale e informiamo su tutte le realtà che esistono sul territorio per far si che le famiglie non rischino di sbagliare non conoscendo certe realtà che operano nel nostro stesso territorio affidandosi magari a mani sbagliate.”.

(Graziella Tomarchio – Laura Magliocco)