lunedì, Marzo 4, 2024
Google search engine
HomePoliticaIl sindaco che voterò alle elezioni amministrative

Il sindaco che voterò alle elezioni amministrative

Non ho il minimo dubbio, io voterò quel sindaco che metterà, sin da subito, tutto l’impegno possibile contro la mafia, che si coordinerà con le forze di polizia e la Procura per armonizzare, in tavoli tecnici, i migliori interventi che un sindaco può fare per promuovere legalità e per usare tutti i mezzi a disposizione per impedire le abitudini criminali. Voterò un sindaco che si batterà contro il pizzo e contro l’usura, che organizzerà incontri con l’associazione antiracket al fine di produrre modalità culturali per supportare le nuove generazioni alla conoscenza del valore della legalità e per dare sostegno agli imprenditori, esercenti e cittadini che sono nella morsa del pizzo, dell’usura o nelle mani di gente senza scrupoli.

Voterò quel sindaco che si espone in prima persona contro ogni forma di illegalità. Dalla piaga del parcheggio in mano agli “abusivi” fino a sanzioni severe per chi apre sale gioco vicine alle scuole o ad edifici pubblici. Voterò quel sindaco che odia la criminalità, contrasta l’illegalità e che comprenda il significato profondissimo di amare i bambini, le future generazioni.  A loro va consegnata una città con luoghi per lo svago, con periferie vivibili, con le frazione marinare splendide e con quelle a monte dignitose e perfettamente integrate con il centro della città. Voterò chi riconoscerà il diritto dei piccoli a vivere in una città smart, europea, rispettosa delle tradizioni e innovativa nel modello di sviluppo e nella progettualità.

Voterò un candidato sindaco che non ha mai avuto ruoli nella pubblica amministrazione perché, se devo dirla tutta, credo proprio che alle nostre spalle non vi sia proprio nulla di cui andare fieri. Voterò un sindaco che senza alcun freno inizi a far pagare le tasse a quell’esercito di evasori e beneficiari di “rizzetta” che hanno impoverito le casse pubbliche e che hanno sottratto parte di risorse che potevano essere destinate per l’incremento del benessere collettivo.

Voterò, senza dubbi, un candidato sindaco che possa scegliere la sua squadra di assessori senza il manuale Cencelli. Un sindaco che possa scegliere in libertà i migliori esperti per le specifiche deleghe. Voterò un candidato sindaco che si occuperà costantemente dell’abbattimento delle barriere architettoniche, che rispetterà ogni differenza e che sarà consapevole che Acireale ha bisogno urgente di un potente disinfettante.  Ardere e disperdere le ceneri di tutto il vecchiume, il marcio, il colluso, il corrotto e corruttibile, ogni incrostazione di un passato che ci ha oscurato la bellezza e distorto il futuro.

Voterò un candidato sindaco che abbia coraggio, rabbia e passione. Un sindaco che possa poter dire “ok, adesso si incomincia a fare sul serio”.

(mAd)

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments