İstanbul escort bayan sivas escort samsun escort bayan sakarya escort Muğla escort Mersin escort Escort malatya Escort konya Kocaeli Escort Kayseri Escort izmir escort bayan hatay bayan escort antep Escort bayan eskişehir escort bayan erzurum escort bayan elazığ escort diyarbakır escort escort bayan Çanakkale Bursa Escort bayan Balıkesir escort aydın Escort Antalya Escort ankara bayan escort Adana Escort bayan

sabato, Maggio 25, 2024
Google search engine
HomeCultura"Io non ho paura del fuoco" di Antonio Coniglio (pres. Fondazione del...

“Io non ho paura del fuoco” di Antonio Coniglio (pres. Fondazione del Carnevale)

 

antonio-coniglio-pres-fondazione-carnevale“È una macchina difficile e complessa quella del carnevale. La esploro da mesi e ne sto conoscendo tutte le sfaccettature. Ci vuole “fegato” e pazienza. Ho vissuto 6 mesi tra una cittadella con un “pugno di giostre in disuso”, bilanci di previsioni da riaggiornare(nella precarietà delle coperture), tante carte sul tavolo, questioni vecchie e nuove. E poi la folle passione dei carristi(che mi riempie di gioia)e le sollecitazioni costanti dei miei amici che mi esortano ad andare avanti. 6 mesi a confrontarsi con il “fuoco”, a premurarmi di non spegnerlo ma, nel contempo, a contenerne le vampate.

In questo ultimo “giro di giostra” conto tanti fronti da chiudere e ieri, caro Mario, mi hai colto mentre ero intento a non perdere di vista nulla per arrivare al 31.

Ho 5 anni dinnanzi a me, insieme a questa amministrazione, e non perdo di vista il bisogno di cambiamento che ci ha cosegnato il mandato elettorale. Quello di un carnevale figlio di programmazione, di meno risorse pubbliche, capace di esprimere autenticamente l’estro dei carristi e della cartapesta.

Quando sono arrivato, tanti mi hanno detto: “chi te lo fare? rischi d’abbruciariti”. Non ho mai avuto paura del fuoco né del gran rogo di Carnevale. Semmai quel rogo mi illumina gradualmente su cosa è superfluo e cosa è essenziale. Mi consegna una cosa preziosa: l’esperienza.

A proposito di inferno e di macchine infernali, mi vengono in mente le “città invisibili” di Calvino: “L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.”
Antonio Coniglio (Presidente Fondazione del Carnevale)

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments