asd
martedì, Luglio 23, 2024
Google search engine
HomeCulturaPiccola storia di Jaci - Il suicidio di Ginevra Bacciarello Condorelli

Piccola storia di Jaci – Il suicidio di Ginevra Bacciarello Condorelli

Il 09 luglio del 1913 chiudeva la sua esistenza la pittrice anconetana Ginevra Bacciarello sposata con lo scultore acese Luciano Condorelli.

Nei registri dello stato civile lo studioso Aurelio Grasso ha rintracciato l’atto di morte:

Atto di morte di Ginevra Bacciarello

L’anno millenovecentotredici addì dodici di Luglio a ore tredici e minuti cinquantuno, nella Casa Comunale. Avanti a me Salvatore Leonardi Calì Assessore funzionante da Sindaco, per gli Anziani impediti, Ufficiale dello Stato Civile del Comune di Acireale sono comparsi Russo Sebastiano di anni trentasette, falegname domiciliato in Acireale, e Corsaro Mariano di anni sessantuno, calzolaio domiciliato in Acireale i quali mi han dichiarato che a ore quattordici e minuti trenta del dì nove del corrente mese nella casa posta in Via Currò al numero 12, è morta Bacciarello Ginevra di anni ventitré, pittrice residente in Acireale nata in Ancona, da Michele, possidente domiciliato a Roma, e da fu Turco Caterina, moglie di Condorelli Luciano. A quest’atto sono stati presenti quali testimoni Pistarà Paolo di anni quaranta, guardia municipale, e Sciacca Salvatore di anni ventisette, vetturino, ambi residenti in questo Comune. Letto il presente atto a tutti gli intervenuti, l’hanno meco sottoscritto, meno il testimone Sciacca analfabeta. Sebastiano Russo, Mariano Corsaro, Pistarà Paolo, S. Leonardi Calì

Atto di morte – Archivio di Stato Catania

sempre lo stesso Aurelio ha rintracciato un altro documento:

Trascrizione dell’atto di sepoltura della pittrice Ginevra Bacciarello, morta il 9 Luglio del 1913 ad Acireale. Come ha informato dal Cav. Vincenzo Giuseppe Costanzo l’atto originale riportava il cognome del marito, ovvero Condorelli, mentre in questi viene corretto con il cognome da nubile. Archivio Cimitero Acireale.

Registro di sepoltura Cimitero di Acireale

Lo scrittore Vincenzo Giuseppe Costanzo, nel suo libro  Ginevra Bacciarello, una vita una morte un mistero edito da Bonanno, Acireale (CT) 1991, ricostruisce, con l’aiuto di diverse testimonianze, la vicenda:

“Improvvisa e misteriosa fu la morte della Bacciarello, nella sua casa al primo piano del n. 12 (oggi 13) di via Currò, alle ore 14.30 del 09 luglio 1913. Essa poneva fine alla sua esistenza con un colpo di pistola, del tipo conosciuto con il nome di “Montecristo”, al cuore. Fu trovata, distesa nel suo letto e coperta di fiori, avvolta in una lunga veste che aveva quasi sigillato, dal collo in giù, con una lunga teoria di spille di sicurezza, mentre accanto al corpo un enigmatico messaggio recitava: ” La luna e le stelle accoglieranno l’anima di Ginevra Bacciarello”, come a voler significare che alla prigionia della esistenza cui era costretto il corpo si contrapponeva l’assoluta libertà dell’ anima ad elevarsi oltre di essa.”

In Città l’episodio desta impressione e qualcuno avanza ipotesi diverse dal suicidio, ben presto tutto cade nel dimenticatoi perchè l’opinione pubblica era divisa per le imminenti elezioni che vedevano schierate le agguerrite schiere dei baiocchi e scioani.

Copertina inedita realizzata da Ginevra Bacciarello

Comunicazione dell’ Atto di matrimonio dei coniugi Condorelli celebrato Roma nel gennaio 1912 e depositato nella casa comunale di Acireale nel febbraio dello stesso anno.

Atto di Matrimonio Condorelli Bacciarello

Curiosità: i due avevano celebrato il matrimonio solo nella forma civile, pressi consolidata al centro nord del Regno.

Con questo breve post , con l’amico Aurelio, si è voluto ricordare il 110° anniversario di questa vicenda dove emergono, ancora oggi, diversi interrogativi.

Ancora oggi la tomba di Ginevra è una delle più visitate e tanti sconoscono le vicende di una artista catapultata in una cittadina siciliana dove i principi e valori ottocenteschi erano ancora ben solidi e duri a cambiare.

Bibliografia:  Ginevra Bacciarello, una vita una morte un mistero del compianto Vincenzo Giuseppe Costanzo edito da Bonanno, Acireale (CT) 1991

Immagine di Ginevra Bacciarello del 1911

(P.S.)

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments