test
sabato, Giugno 15, 2024
Google search engine
HomeCronacaTerme di Acireale, storia di degrado

Terme di Acireale, storia di degrado

Terme di Acireale l’11 aprile 2016 l’on. pentastellata Angela Foti dichiarava: “Le Terme siciliane sono state completamente abbandonate dalla Regione. Da ben 6 anni tutto è fermo in attesa che l’amministrazione regionale rediga il bando di affidamento ma ad oggi nulla è stato fatto, accampando i più disparati, e spesso astrusi, impedimenti giuridici”.

25 ottobre 2016 – Per le Terme di Acireale interviene la Regione Sicilia che prende in carico l’hotel Excelsior e il Polifunzionale (inaugurato e mai utilizzato) per pagare i debiti prodotti che, come afferma Baccei, “in piena proprietà, potrà girare la gestione al Comune che a sua volta, per un certo numero di anni, potrà darla in gestione a terzi”.

Sembrava una buona notizia ed una svolta per la questione Terme. Infatti le dichiarazioni dei politici sfioravano il trionfalismo.

Dichiarava l’allora assessore regionale Baccei: “Le terme rappresentano un volano per il turismo e, in particolare, per quello di qualità, uno dei settori prioritari sui quali puntare. All’inizio ci siamo invischiati anche noi in una situazione complicata perché alcuni beni erano di proprietà dell’azienda e altri regionali, in usufrutto alla SPA. Abbiamo scelto la soluzione più semplice cioè riportate tutti i beni in carico alla Regione. Anche gli altri beni tornerebbero alla Regione che, in piena proprietà, potrà girare la gestione al Comune che a sua volta, per un certo numero di anni, potrà darla in gestione a terzi”.

Stesso tenore le parole dell’on. Nicola D’Agostino: “La legge è semplice ma occorre organizzarsi e predisporre tutto per il meglio. Secondo la norma regionale, la proprietà del Grand Hotel Excelsior e del Polifunzionale tornerà la Regione che, grazie al mutuo concesso dalla Cassa depositi e prestiti, potrà garantire per la Spa oggi in liquidazione, il pagamento dei debiti milionari. Una volta risanate, le Terme saranno affidare al Comune che potrà darle in gestione dopo aver predisposto apposita gara d’appalto”.

E al coro si aggiungevano le dichiarazioni dell’allora sinda di Acireale Roberto Barbagallo: “Per noi rappresenta una grande responsabilità ma anche un’opportunità unica che noi non vogliamo perdere”.

Oggi (4 aprile 2018) parco chiuso, nessuna notizia del bando e nemmeno del recupero dei debiti. Un’altra speranza di ripresa economica e di vivibilità marcita nei cassetti della classe politica.

(mAd)

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments