Asso pigliatutto

Minaccia le dimissioni, viene osannato in consiglio comunale dal sindaco, dai consiglieri comunali di maggioranza e minoranza e rientra in scena con il ruolo centrale che gli è stato consegnato su di un vassoio d’argento e con una standing ovation.

Stiamo parlando dell’assessore alla Mobilità sostenibile e vicesindaco Carmelo Grasso. L’uomo che ha portato nelle strade del centro storico l’innovazione della zona 30, quella modalità relativa alla mobilità urbana che in corso Umberto e corso Savoia avrebbe dovuto ridurre le emissioni di co2 e far convivere macchine, pedoni e ciclisti. Nel suo palmares c’è anche la rimozione della corsia preferenziale per gli autobus in via Vittorio Emanuele a favore di parcheggi auto, l’istituzione della ztl a piazza Marconi durata qualche giorno per essere poi rimodulata con la riapertura al traffico veicolare e strisce bianche per il parcheggio. Si, proprio un parcheggio in pieno mercato storico. Auto, frutta, verdura e prodotti ittici in una perfetta e sana convivenza. Nel basolato lavico del centro storico le strisce sono diventate di tutti i colori in un via vai di metti e togli che non si era mai visto prima. In via Galatea il traffico è come sempre (bisogna mantenere le tradizioni) e, di tanto in tanto, peggiora grazie al passaggio dei mezzi pubblici che, non di rado, restano incastrati tra le auto in sosta vietata.

Avremo la fermata del treno ai Cappuccini e si potrà parcheggiare, molto probabilmente, immettendosi dal viale Regina Margherita. Un opera voluta da RFI e dalla Regione Siciliana che da decenni aspetta di essere realizzata. Avremo anche un parcheggio nella stazione ferroviaria centrale e così si potrà sostare comodamente ed aspettare il treno per raggiungere il capoluogo.

Alla fine del teatro politico tutto resterà come sempre con la sola differenza che il vicesindaco avrà fatto comprendere a tutti il suo ruolo centrale in questa amministrazione. Carta bianca è stata chiesta ed ottenuta, il sindaco Alì invece di accettare le dimissioni, prima congela e poi scongela sapendo bene che la storia politica di questa compagine amministrativa è già segnata dai continui malumori e dai mal di pancia.

I consiglieri comunali di maggioranza? Si sono incontrati ed hanno prodotto una riunione fiume che si è conclusa con una delegazione che si è recata a Palazzo di Città per incontra il sindaco e il suo vice. Cosa si sono detti e quali soluzioni per trovare un nuovo e rinnovato equilibrio, al momento, non è dato saperlo. Produrranno una nota per far sapere ai cittadini come continua questa esperienza amministrativa? Vedremo, intanto possiamo chiudere con un sereno “tutto a posto”.

(mAd)