Concorsi Pubblici ad Acireale per la Polizia Municipale

Dopo il bando per addetto stampa, il Comune di Acireale pubblica altri 4 concorsi di cui tre riferiti a figure amministrative ed uno per 8 agenti di Polizia municipale .

LINK AL BANDO

https://www.comune.acireale.ct.it/Concorsi.aspx?fbclid=IwAR15K6eFApmA6ATSbSww1qg1vGQhOoYFBI1IpcrkmcvjoIAbXZtX0R2KVn4

Acireale che negli anni passati contava un corpo di Polizia numeroso ed in piena efficienza, sconta l’assenza di ricambio dovuto ai vari patti di stabilità e blocco delle assunzioni, che si sono succeduti nel tempo e la recente emorragia di personale con i provvedimenti nazionali di quota 100.

Sono ormai lontani gli anni in cui Acireale organizzava quasi ogni anno i convegni Regionali della Polizia Municipale che richiamavano partecipanti da tutta la Regione e si svolgevano sempre all’hotel Excelsior delle Terme .

La necessità, più volte ribadita dal Sindaco d’integrare la pianta organica del Comune, comincia a produrre effetti e dopo la stabilizzazione di parte del precariato storico, avviata dalla precedente amministrazione e conclusa dall’attuale, si continua ad assumere anche in ruoli operativi.

Il bando con scadenza prorogata a maggio per via della situazione emergenziale in corso, prevede selezioni basate su prove fisiche attitudinali, titoli ed esami. Si rileva in difformità da concorsi simili nel resto d’Italia un limite superiore di età per i partecipanti che si attesta a 28 anni mentre nella media delle altre Città oscilla tra i 30 ed i 35.

Le motivazioni di tale scelta, risiedono fondamentalmente in tre scelte di ordine pratico:

  1. L’Amministrazione dovrà fare un investimento formativo sui futuri agenti e vorrebbe avere un ritorno in termini di disponibilità di servizio più lungo possibile .
  2. I ruoli degli agenti di Polizia Municipale sono prevalentemente operativi, ovvero le nuove figure saranno destinate al controllo del territorio e pertanto la “giovane” età rappresenta una garanzia maggiore per i rischi che tale servizio comporta.
  3. La divisione del personale per la redazione del bando si è agganciata alle linee guida dei corpi di Polizia di Stato e delle Forze Armate che prevedono specifici limiti d’età

Partiamo con il limite di età per chi vuole entrare nelle Forze Armate come volontario in ferma prefissata annuale (VFP1). In questo caso – sia per l’Esercito che per Marina e Aeronautica – il limite di età per partecipare ai concorsi pubblici è di 25 anni (non compiuti). Per quanto riguarda il VFP4 – volontari in ferma prefissata di 4 anni – il limite di età è 30 anni (non compiuti).

Per diventare Marescialli dell’Esercito – o anche della Marina e dell’Aeronautica – tramite concorso pubblico l’età deve essere compresa tra i 17 e i 26 anni; il limite si alza a 28 anni per coloro che hanno già prestato il servizio militare obbligatorio.

Per entrare nell’Accademia Navale e diventare Ufficiale della Marina, invece, il limite di età è di 22 anni. Per il ruolo di Ufficiale – Ruolo Normale a Nomina Diretta – l’età massima è pari a 32 anni, ma in questo caso bisogna essere in possesso di una Laurea specialistica. Anche per l’Accademia dell’Aeronautica Militare e diventare Ufficiale il limite richiesto è di 22 anni.

I seguenti limiti, invece, si applicano per i concorsi per l’Arma dei Carabinieri26 anni non compiuti per gli Allievi26 per i Marescialli e 22 per entrare nell’Accademia per Ufficiali. Gli stessi si applicano anche per la Guardia di Finanza.

Per le Forze di Polizia, infine, si considerano i seguenti limiti di età: 26 anni per il concorso come Agenti28 per quello degli Ispettori e 30 per diventare Commissari. Per la Polizia Penitenziaria l’accesso al ruolo di agenti è ancora di 28 anni.

Per la Polizia di Stato invece i limiti sono:

  • per Allievi Vice ispettori e Allievi Vice ispettori tecnici: limite massimo di età 28 anni 
  • per i Vice ispettori: da 18 32 anni. Per gli appartenenti ai ruoli dell’amministrazione civile dell’Interno il limite d’età sale a 40 anni
  • per gli Allievi Agenti e Allievi Agenti Tecnici  da 18 a 26 anni

Limiti d’età nei concorsi per le Forze Armate: sono legittimi?
In molti ritengono che non sia legittimo da parte delle relative amministrazioni prevedere dei limiti di età per i concorsi pubblici. Questa convinzione nasce dal fatto che la direttiva comunitaria sulle parità di trattamento in materia occupazionale stabilisce che tutte quelle norme che prevedono delle discriminazioni in base all’età per i candidati ai concorsi pubblici sono illegittime.
Questi però dimenticano che la stessa Corte di Giustizia europea ha più volte dichiarato che per alcune attività – quale ad esempio il servizio prestato per le Forze Armate e di Polizia – prevedere un limite di età è strettamente necessario poiché correlato al ruolo che si andrà a ricoprire.
Chi vuole entrare nelle Forze dell’Ordine, infatti, deve garantire la perfetta efficienza fisica; ed è per questo motivo che oltre a prevedere un limite di età, variabile a seconda del concorso, viene data molta importanza alle visite mediche nelle quali viene verificata l’attitudine fisica ai compiti esecutivi che si dovranno svolgere nel caso in cui si riesca a vincere la selezione.

Pertanto largo ai giovani !

Fabio D’Agata