Crisi dell’amministrazione Alì, oggi in consiglio comunale arriveranno i chiarimenti?

Crisi dell’amministrazione Alì, oggi in consiglio comunale arriveranno i chiarimenti? In caso di rinvio della seduta del civico consesso allora siamo di fronte alla mancanza di rispetto per l’aula e per i cittadini.

ACIREALE – Da quando sono state annunciate e congelate le dimissioni del vicesindaco Carmelo Grasso ancora non si è trovata non solo una soluzione per uscire dalla crisi ma neanche il tempo e la volontà politica di riferire all’aula consiliare e, quindi, di informare la città dello stato di salute in cui versa l’amministrazione in carica.

Alle dichiarazioni a caldo del dimissionario Carmelo Grasso che affermò “importante portare avanti i progetti a prescindere dagli uomini” seguì un consiglio comunale in cui il sindaco Alì, i consiglieri di maggioranza e tanti della minoranza chiesero all’assessore dimissionario di rientrare in squadra. Successivamente i gruppi di maggioranza (M5S e La Città che vogliamo) nelle loro riunioni fiume avevano indicato la strada per superare la fase di stallo. Rotazione dei dirigenti e azzeramento della giunta, questa la soluzione che sembrava essere seriamente presa in considerazione dal sindaco e che sarebbe stata certamente gradita dal vicesindaco Grasso. Il 12 gennaio in aula consiliare l’assenza del sindaco e del suo vice mostrarono chiaramente che le questioni non si sono risolte, al contrario sono diventate più complesse. Il punto di divisione è l’azzeramento della giunta oppure la destinazione dei dirigenti e degli impiegati comunali all’interno di una rinnovata pianta organica? Di fatto in aula la temperatura si è alzata ed anche di tanto.

Oggi, però, la questione non è più rimandabile ed il passaggio democratico inesorabile è quello di riferire all’aula consiliare quali sono i termini esatti della questione, se c’è una soluzione e quale e come s’intende proseguire. Passaggi inevitabili che se dovessero subire un ulteriore stop allora si che siamo di fronte allo schiaffo alla democrazia e alla trasparenza politica. Il consiglio comunale di oggi (14 gen. ’21) deve dare le risposte ai quesiti sollevati dai consiglieri comunali e da una quota di cittadini attenti alle questioni politiche e a tutta la città che aspetta il cambiamento, il risveglio e il riscatto.

E’ il consiglio comunale l’organo istituzionale cittadino che meglio di tutti rappresenta la volontà popolare, sono i consiglieri comunali che eletti dai cittadini devono portare avanti le istanze, presentare le loro perplessità e ricevere le dovute risposte.

Se dovesse essere rimandata la seduta del civico consesso di oggi allora davvero possiamo dire che non vi è rispetto per l’aula consiliare ed ancora meno per i cittadini che vorrebbero vedere una città rinascere e si sono trovati ad assistere a continui litigi e distinguo all’interno della compagine amministrativa che, ad oggi, non ha ancora dimostrato di sapere guidare una città complessa come Acireale.

(mAd)