Delibera di giunta e parco giochi inclusivo

Incontriamo l’assessore alle Politiche Sociali Palmina Fraschilla, che ci parla della partecipazione del comune al bando che riguarda i parchi gioco inclusivi.

– Assessore Fraschilla, è di lunedì la delibera di giunta che prevede la partecipazione del nostro comune al bando che riguarda i parchi gioco inclusivi. Cosa ci può dire a tal proposito?

“Si tratta di un bando per 58.000,00 mila euro (8.000,00 finanziati dal comune) per la realizzazione o ampliamento di parchi gioco inclusivi. Più di un mese fa, il sindaco Stefano Alì ed io, abbiamo inviato un atto di indirizzo al dirigente della area tecnica, chiedendo di predisporre dei progetti per la realizzazione di un parco giochi inclusivo su Piazza Peppino Impastato. Immediatamente dopo ci siamo resi conto che il parco o parchi, avrebbero potuto essere finanziati solo se previsti su area a verde, pertanto, con nuovo atto di indirizzo, abbiamo indicato l’ampliamento del già esistente parco giochi inclusivo all’interno del giardino Belvedere e della piazza Santa Chiara.”.

-Lei assessore, da sempre ha combattuto affinché si realizzasse un parco giochi inclusivo al giardino Belvedere, com’è la situazione di fatto?

“Già ai tempi in cui ero garante per i diritti delle persone con disabilità, desiderai la realizzazione del parco giochi. Partecipai come garante a 2 progetti partecipativi; il primo anno chiesi l’acquisto dei giochi, poi finanziato con 15 mila euro e l’anno successivo, chiedendo l’acquisto della pavimentazione antitrauma, finanziato con 20 mila euro. Nel dicembre dello scorso anno, il parco giochi inclusivo è stato realizzato e messo a disposizione dell’intera comunità. All’interno ci sono giochi accessibili per bambini piccoli ed un’altalena per carrozzine, regalataci dalla consigliera comunale Sabrina Renna. Sarebbe bello se grazie al finanziamento riuscissimo ad ampliare il parco giochi, dotandolo anche di un buon sistema di illuminazione di telecamere di videosorveglianza, perché sempre più spesso assistiamo ad atti vandalici ed obiettivamente, non si trova al momento in ottimo stato. Mi impegnerò affinché venga aperta la biblioteca dei bambini ( sempre all’interno del giardino Belvedere) e affinchè venga realizzato un parco giochi al chiuso.”.

– Assessore, torniamo su Piazza Santa Chiara, cosa pensa di realizzare?

“Come assessore alle politiche Sociali e giovanili, un mio primo intervento è stato quello di aver fatto in modo che si realizzasse un progetto del bilancio partecipativo di qualche anno prima, per l’installazione di alcuni giochi. Nel tempo ho provveduto all’acquisto di una palestrina, del tappeto antitrauma e di alcuni canestri, che ritengo possano essere installati a breve. Ho avuto modo di dire più volte in passato che mi occuperò anche dell’acquisto di tavoli da scacchi e panche.”.

In una sua recente intervista, ha dichiarato che si sta occupando anche di 8 progetti di bilancio partecipativo che riguardano la realizzazione di altri parchi gioco nelle frazioni. Cosa ci dice?

“È vero, insieme al geometra Gulli mi sto occupando di ben 8 progetti, finanziati con circa 8 mila euro ciascuno. Desidero che ad Acireale ci siano spazi di aggregazione per giovani e famiglie, desidero che si instauri la cultura del bene comune e che ciascuno di noi si senta responsabile del prendersi cura di ambienti, soprattutto destinati ai più piccoli. Su invito da parte del consigliere comunale Gaetano Di Mauro, per la realizzazione di un’area sportiva nella frazione di Aciplatani, ho anche acquistato 2 porte da calcetto e tre canestri ed altre attrezzature sportive da collocare nello spazio antistante l’ingresso principale dello stadio Aci e Galatea. A breve, attraverso un mio atto di indirizzo, chiederò al dirigente dei LLPP di acquistare delle reti metalliche, a protezione di quell’area, per evitare che qualche bambino finisca in strada, rincorrendo una palla.”.

(Graziella Tomarchio)