Piccola storia di Jaci – “Scrivu pi dariti nutizia” Agostino Pennisi, 1943

Il barone Pennisi scrive per dare sue notizie al canonico campione, La famiglia Pennisi si è trasferita a Pozzillo e le notizie che pervengono da Catania e provincia non sono buone. Nonostante il momento il barone Pennisi riesce ad avere il giusto umorismo e gli invia una missiva poetica in vernacolo che descriveva la situazione di quel 17 aprile 1943.

Caru Campiuni, scrivu

  • Pri dariti nutizia
  • ca sugnu ancora vivu.
  • Nta sti jurnati niuri
  • lu sai comu qualmenti:
  • è cosa cchiu facili
  • squagghiarisi nta nenti:
  • sbardi di tinti ciàuli
  • vànu tirannu bummi
  • capaci di scunsèntiri
  • la “Rutta d’i Palummi”!
  • Non ci su àrtara e crèsii
  • non gritti e mancu storti,
  • non picciriddi e mancu fimmini
  • ca sfùiunu a la sorti:
  • aièri intra Catania
  • ci fu gran minnitta:
  • la vara di Sant’Aita,
  • la stissa vara, addritta
  • mancu arristau! Lu trivulu,
  • lu chiantu non ti dicu;
  • mannaggia a lu Diavulu!
  • mannaggia a lu nimicu!
  • Agostino Pennisi
  • (Scinnutu allu Pizziddu pri non aviri sconzu)

Fonte bibliografica: “Acireale 1943” – Felice Saporita