Storia d’Italia – I Carabinieri adottano il caratteristico fregio, 23 febbraio 1832

Con la caduta di Napoleone e la”restaurazione” degli antichi regimi sancita dal Congresso di Vienna, i Savoia rientrano in possesso del loro regno. Re Vittorio Emanuele I nel luglio del 1814 istituisce, tramite Regie Patenti, il corpo dei Reali Carabinieri con compiti principali di polizia e scorta alla famiglia reale. Il corpo armato era ripartito in due specialità: a piedi e a cavallo.

Il 23 febbraio 1832, regnante Carlo Alberto di Savoia – Carignano il corpo adottava il fregio da copricapo costituito dalla granata in fiamme color argento.

Il color argento utilizzato per il fregio e i bottoni distingueva il corpo dai reali Carabinieri dalle altre forze armate, che utilizzavano il color oro, in araldica militare il color argento per importanza precede il color oro.

Con la prima guerra d’indipendenza, I Reali Carabinieri diventano pure forza di combarttimento, il battesimo del fuoco è il 30 aprile del 1848 con la famosa carica di Pastrengo dove la bandiera ottiene la Medaglia d’argento al valor militare.

(Sebi Pittera)