Storia d’Italia – Nasce il giornale “Il Popolo”, 05 aprile 1923

 Il 05 aprile del 1923, esce il primo numero del giornale Il Popolo, quotidiano indipendente vicino al Partito Popolare Italiano di don Luigi Sturzo. La linea di Donati fu improntata a mettere gli elettori cattolici in guardia dal fascismo e a mostrarne l’impronta eversiva.   

L’improvviso abbandono della segreteria del PPI da parte di don Sturzo (10 luglio 1923) non ebbe effetti immediati sulla linea del giornale. L’antifascismo del quotidiano si acuì in seguito al delitto Matteotti  (10 giugno 1924). Dal 9 ottobre 1924 divenne l’organo ufficiale del partito.

Il 1º maggio 1925 pubblicò il Manifesto degli intellettuali antifascisti, unico quotidiano italiano insieme con Il Mondo. Preso di mira dal regime, poco tempo dopo il direttore fu costretto a lasciare l’incarico. Giuseppe Donati partì per un volontario esilio a Parigi , dove giunse il 13 giugno. Le pubblicazioni ripresero il 4 luglio sotto la guida del caporedattore Giuseppe Margotti ma il quotidiano continuò ad essere oggetto di nuovi e ripetuti sequestri.

Dal 19 novembre 1925 Il Popolo fu costretto a sospendere le pubblicazioni per tutta la durata del  regime fascista. La pubblicazione giornale riprenderà nel 1943 in seguito diventa organo di stampa ufficiale della Democrazia Cristiana.

fonte Wikipedia