Inaugurato il parco giochi inclusivo in Piazza Macrì

I bambini sono il nostro futuro e farli crescere tutti insieme, dimostrando loro che tutti i bambini hanno gli stessi diritti, è compito di noi adulti insegnando loro che non è importante solo saper correre o poter giocare a pallone. Insegnare il rispetto non è difficile e darà grandi frutti perché un bambino che ha la possibilità di conoscere da vicino anche la disabilità, da grande, non conoscerà l’indifferenza ma anzi, avrà rispetto per tutte le persone.

Ieri mattina, ad Acireale, è stato inaugurato un parco giochi inclusivo all’interno della bellissima piazza Macrì che da tanto tempo era lasciata in totale abbandono. Tutto ciò nasce dalla proposta di Alessandro Greco con il sostegno dell’assessorato alle politiche sociali retto dall’assessore Palmina Fraschilla, del consigliere Salvo Messina e del geom. Francesco Gulli e grazie ai fondi del bilancio partecipativo del 2019.

Erano inoltre presenti all’inaugurazione: il sindaco Stefano Alì, il Garante per la disabilità dott. Riccardo Castro e tantissime mamme e bambini che grazie anche alla bella giornata di sole, hanno approfittato per gioire e giocare all’aria aperta.

Manuela Cirvilleri, mamma del bellissimo Matteo che con la sua Associazione “Comunicare è Vita”, ha offerto una merenda con i panettoni solidali che solitamente vengono utilizzati per la raccolta fondi dell’Associazione e ci esprime entusiasta le sue impressioni: ” Siamo felici perchè oggi è una bellissima giornata, ci sono tante persone e tanti bambini che ci sono venuti a trovare anche se questi non dovrebbero essere eventi eccezionali ma ci auguriamo che diventino appuntamenti fissi. Il potersi incontrare e lo stare insieme automaticamente genera il rispetto per le cose che sono di tutti.”

L’assessore alle Politiche Sociali Palmina Fraschilla aggiunge: “Ogni parco giochi da la possibilità ai nostri bambini di poter sperimentare se stessi, di rapportarsi con gli altri bambini facendo si che avvenga non solo una crescita interiore in ognuno di essi ma soprattutto una crescita sociale”

Giusi Cutuli, mamma della bellissima Emily ci parla un pò del periodo così buio che i bambini stanno vivendo a causa della pandemia: “È molto importante per i nostri figli speciali, il poter stare all’aperto, poter condividere delle ore in compagnia, soprattutto che questo periodo di pandemia , sono stati costretti per molto tempo a rinunciare a tante loro attività e in cui si sono sentiti totalmente isolati. Che ben vengano queste iniziative”

Le aspettative di tutti i genitori che abbiamo incontrato oggi in questa giornata di “festa”, sono quelle che si possa insegnare ai bambini che giocare insieme è bello, che avere rispetto per tutte le persone significa anche condividere le proprie emozioni e le proprie esperienze, che confrontarsi con diverse disabilità è ancora più bello, senza guardare con occhi diversi ma cercando di comprendere e guardare, con occhi coinvolti, per crescere insieme uniti.

Di seguito, il video con l’intervista per intero dell’Assessore Palmina Fraschilla, della signora Manuela Cirvilleri e della signora Giusy Cutuli.

Graziella Tomarchio