Tags Posts tagged with "palavolcan"

palavolcan

0 498

ACIREALE – Lunga vicenda quella che ha accompagnato la riapertura del Palavolcan dopo gli eventi calamitosi del novembre 2014. Agibilità, burocrazia, caldaia, catastazione dell’immobile e altro ancora dovevano trovare la loro sistemazione e regolarizzazione burocratica. Tutto ciò è avvenuto ed è anche definitiva l’aggiudicazione al GIS della gestione della struttura sportiva.

Abbiamo sentito l’assessore allo sport del comune di Acireale Giuseppe Sardo che afferma: “Finalmente possiamo non parlare più di carte e burocrazia ne di collaudi o altro, oggi possiamo e dobbiamo parlare solamente di risultati sportivi, di attività agonistica, di sport e divertimento. Adesso il dato è che il Palavolcan è una struttura sicura, completa e ci da l’opportunità di vivere le attività dei nostri atleti con tutta la serenità possibile e dovuta”.

Tutto in regola dunque anche la catastazione dell’immobile?

Giuseppe Sardo (assessore allo Sport): “Certamente, è stata prodotta una SCA (Segnalazione Certificata di Agibilità) che è un documento unico che assevera tutti gli atti come certificati di conformità, accatastamento, caldaia, certificato incendi. Tutto a posto e segna il passo definitivo, possiamo affermare che siamo al top in termini di collaudi, sicurezza etc. Domenica potremmo assistere alla prima partita del Basket Acireale”.

Adesso la parola e i fatti passano allo sport e si spera che da domani (7/12/2017) potremmo assistere ai primi allenamenti e successivamente alle gare delle squadre che utilizzano il Palavolcan.

(red)

0 53

L’assessore allo Sport Giuseppe Sardo comunica che con la determina n° 681 del 28/11/2017 è stata aggiudicata in via definitiva la gara di gestione del PalaVolcan. E’ ufficiale, sarà il GIS, consorzio di società sportive acesi, a gestire l’impianto sportivo di corso Italia. È stata inoltre protocollata presso l’Ufficio urbanistica del Comune di Acireale la SCA, (segnalazione certificata di agibilità) .
Stamattina si è svolto il sopralluogo propedeutico alla firma del verbale di consegna  al conseguente affidamento della struttura, fissato per lunedì prossimo alle ore 11:00 presso l’Ufficio Sport .
“Finalmente si conclude un iter lungo e complesso che ha portato dei ritardi finalizzati al rispetto delle regole e della trasparenza . La Città si riappropria definitivamente della struttura INDOOR più importante di quelle nelle nostre disponibilità” .

0 572

ACIREALE – La tromba d’aria del novembre 2014 che ha colpito la struttura acese per lo sport e l’associazionismo, il finanziamento regionale per il recupero poi le tante polemiche per l’agibilità, la caldaia, la catastazione dell’immobile ed ancora la convenzione con il gis che da provvisoria tardava a diventare definitiva per via di documenti in attesa e perché, il Gis, chiedeva di entrare al Palavolcan solo dopo l’esecuzione di alcuni lavori di manutenzione: scerbatura, potatura, sistemazione di alcune problematiche nei bagni e qualche altra faccenda da risolvere velocemente.

Adesso sembra che si sia arrivati alla puntata finale. Gli alberi potati, la scerbatura eseguita e sistemati alcuni scarichi dei bagni tutto dovrebbe portare alla firma tra l’Ente e il Gis per l’affidamento del Palavolcan. Il Gis dovrà corrispondere una somma in denaro come canone annuo e occuparsi di stipulare un’assicurazione che copra anche gli eventi atmosferici.

Si sono rincorse tante voci in questi anni, manifestazioni, polemiche, inaugurazioni con feste e con ospiti d’eccezione, poi ancora chiuso e tanto altro ancora. Di fatto una lunga attesa che è sembrata ancora più lunga proprio perché la città soffre per il numero esiguo di strutture sportive e perché la faccenda dell’agibilità ha portato con se tante polemiche e dissapori.

Una questione che rimane ancora aperta e che dovrà certamente trovare una soluzione condivisa è quella che riguarda l’associazione 104 orizzontale onlus. La 104 è quella associazione che si occupa dell’integrazione sociale dei disabili, che ha rimesso in ordine un grande spazio all’interno del Palavolcan, che ha prodotto a proprio spese un piccolo e gradevole parco giochi per bambini anche con disabilità. Ricordiamo la bella colletta cittadina per recuperare le somme per l’acquisto dell’altalena per disabili e ricordiamo bene come tanti bambini i pomeriggi e i fine settimana hanno affollato il parco giochi insieme ai loro genitori. Uno spazio che non può essere sottratto alla 104 orizzontale onlus ma che sicuramente dovrà trovare la giusta mediazione per concordare i modi per riportare l’associazione guidata da Rosario Grasso all’interno del Palavolcan. Una mediazione in cui certamente il sindaco svolgerà un ruolo centrale per trovare e chiudere un accordo tra Gis e 104.

Intanto attendiamo ancora qualche giorno per la firma all’affidamento definitivo della struttura al Gis e speriamo di vedere presto una struttura viva e pulsante, piena di attività sportiva e sociale. Una struttura certamente importante per Acireale, per i giovani e per le società sportive che svolgono nel territorio un ruolo centrale per la crescita dei nostri giovani.

(mAd)

0 446

ACIREALE – Ormai dare una data precisa per la riapertura di alcune strutture pubbliche è diventato un fatto assai arduo. Le fonti sono poco attendibili e si passa dall’attesa di un documento alla catastazione dell’immobile, dalla caldaia ad altro di non bene imprecisato. Dalla villa Belvedere, al teatro Maugeri passando per il Palavolcan le attese sono diventate lunghe e le situazioni sempre più complesse.

Per quanto riguarda il Palavolcan, unica struttura sportiva degna di questo nome in città, si sono rincorse voci, date e precisazioni insieme a conferenze stampa che hanno detto tutto e il suo contrario; di fatto, però, il cancello del Palavolcan continua ad essere chiuso malgrado la gara per la convenzione sia stata aggiudicata dalla GIS. L’assessore allo sport Sardo, il legale del Gis Panebianco, altri componenti del gis come Ugo Petrina e Massimiliano Trovato non hanno ancora potuto calpestare il nuovo parquet della struttura e, di tanto in tanto,  riemergono mugugni e aspre critiche all’amministrazione comunale da parte di alcuni componenti del Gis.

Sappiamo che per l’affidamento definitivo al GIS erano ancora necessari alcuni documentari che, dalle nostre fonti, non sono ancora arrivati. A richiedere questi documenti doveva essere l’amministrazione ma, secondo quanto riferito dalle nostre fonti, ancora le certificazioni non sono tutte arrivate e quindi non è ancora possibile l’affidamento definitivo. Andare a definire quanto tempo è ancora necessario, come dicevamo prima, è impresa ardua dal momento in cui sui tempi della burocrazia pochi al mondo possono essere precisi e attendibili.

Intanto al GIS i malumori sono palpabili ed evidentissimi. La struttura che da qualche mese dovev essere riaperta e affidata rimane ancora chiusa e le squadre di volley, basket, calcio a 5 e pattinaggio non possono ancora allenarsi e disputare le gare. Anche l’associazione 104 Orizzontale onlus vorrebbe al più presto ridare i suoi spazi ai bambini acesi e muoversi, come fa da anni, all’interno delle logiche e dei progetti per l’integrazione dei disabili.

Possiamo inoltre affermare che se entro qualche giorno non si sblocca la situazione si prevede una possibile conferenza stampa del Gis al fine di raccontare agli acesi a che punto è la situazione e cosa sta succedendo visto che ancora non vi sono date certe per la riapertura della struttura.

E’ ancora possibile che il Palavolcan non riapra prima di dicembre 2017? In questo caso tante squadre non sarebbero più interessate all’uso della struttura. Indispensabile inoltre che al momento dell’affidamento, contestualmente, il gis produca una polizza assicurativa a copertura anche degli eventi atmosferici.

Cosa succederà lo vedremo in questi giorni, così come aspettiamo di sapere cosa manca e quanto denaro deve ancora essere speso per il recupero del Teatro Maugeri. Per la villa Belvedere, infine, vista la situazione giudiziaria si prevedono tempi non brevi per il recupero e per la totale riapertura al pubblico.

(mAd)

0 645

Acireale –  Questione Palavolcan, intesa tra Comune e GIS si attendono gli ultimi adempimenti burocratici per la riapertura della struttura sportiva acese. Le interviste con l’assessore allo Sport Giuseppe Sardo con Paolo Panebianco (resp. legale GIS)

(mAd)

0 1035

Sono recenti le polemiche sulla mancata apertura del Palavolcan legata anche al mancato accatastamento dell’immobile. In una situazione analoga a questa struttura ci sono moltissimi edifici fra cui diverse scuole e l’Angolo di Paradiso.

Non sarebbe opportuno intervenire per tempo evitando multe e gestendo correttamente il patrimonio immobiliare? Sono in regola con l’agibilità Angolo di Paradiso e scuole comunali, se dalla mancanza di accatastamento discendono problemi?

Il mancato accatastamento delle strutture sembra essere un problema atavico, il comune di Acireale ha ricevuto diverse multe da parte dell’Agenzia delle entrate proprio per questa inosservanza.

L’amministrazione Barbagallo,  ha introdotto una riorganizzazione degli uffici attivando nel 2015 il servizio “Gestione e Valorizzazione del Patrimonio e Polo Catastale” ma continuano a fioccare le multe dell’agenzia delle entrate.

Consultando il sito della trasparenza, tantissimi edifici comunali presenti nel patrimonio disponibile ed quello indisponibile del comune di Acireale non dispongono di identificativo catastale.

Come può il pubblico imporre regole e sanzioni se è il primo a non rispettarle?

Il primo documento indicato fra quelli necessari per l’agibilità è l’avvenuto accatastamento:

La documentazione obbligatoria per l’Agibilità immobile è la seguente:

  • Accatastamento: Copia della Ricevuta di Avvenuta Dichiarazione di Fabbricato Urbano (costituzione) comprensiva del nominativo della via, dei numeri civici.Copia delle planimetrie depositate, dell’elaborato planimetrico ed eventuali ricevute di successiva Avvenuta Variazione di Fabbricato Urbano (ultimazione fabbricato, voltura, toponomastica, ecc.) con le relative planimetrie ove previste.
  • ……..

Ed il regolamento edilizio del Comune di Acireale infatti prevede:

Articolo 29: CERTIFICAZIONI DI ABITABILITA’ ED AGIBILITA’.

  1. Copia della dichiarazione presentata per l’iscrizione al catasto dell’immobile, restituita dagli uffici catastali con l’attestazione dell’avvenuta presentazione, redatta in conformità alle disposizioni dell’art. 6 del R.D.L. 13.4.1939 n. 652 e successive modificazioni e integrazioni;

Accedendo al portale webgis del Comune di Acireale è evidente come in corrispondenza sia del Palavolcan che dell’Angolo di Paradiso non siano presenti particelle catastali. Ho dovuto separare l’immagine con lo sfondo di google map dal layout delle particelle catastali perché, sovrapponendoli,  il sistema non ne consente una corretta visualizzazione. Ma è evidente come in corrispondenza a Palavolcan e Angolo di Paradiso la cartografia catastale non riporti alcuna particella.

Scheda patrimonio disponibile Angolo Paradiso dove non viene indicato identificativo catastale
Area Villa belvedere priva di particella catastale

Catastazione Palavolcan

Scheda patrimonio indisponibile Palavolcan dove non viene indicato identificativo catastale
Area in corso italia priva di particella catastale

(stefano alì)

0 614

E’ vero che solo gli sciocchi non cambiano idea, ma quando le scelte riguardano interessi collettivi sarebbe corretto spiegare i motivi che fanno cambiare idea. Le scelte, ben ponderate, dovrebbero essere dettate da ragioni evidenti e soprattutto i miracolati della trasparenza dovrebbero anche renderle sempre note.

Recentemente ho letto le polemiche riguardo i tempi per la riapertura dell’impianto. Le società sportive premono per averlo al più presto, ma c’è sempre qualche intoppo burocratico da superare. Forse, avrebbero fatto comodo disporre dei sei mesi persi per bandire la gara. Se già a Febbraio fosse stato individuato come “impianto a rilevanza imprenditoriale”,  la gara sarebbe stata aggiudicata da un pezzo e la struttura operativa.

Non c’è pace per il Palavolcan, fra lavori infiniti, caldaie, agibilità ed inaugurazioni farlocche, adesso arrivano i problemi di darlo in gestione ed intanto le società sportive emigrano.

Nella proposta di delibera del 15/02/2017 il dirigente suggerisce di dare rilevanza imprenditoriale allo stadio Tupparello ed al PalaVolcan.

La giunta non è d’accordo e stabilisce che il Palavolcan debba essere utilizzato esclusivamente per attività sportiva senza rilevanza imprenditoriale. E così stabilisce attraverso la G.M. 15/2017.

Passano alcuni mesi ed il 23 Agosto il Sindaco ritorna sui propri passi e scrive al dirigente chiedendo la rettifica della Delibera e di inserire il Palavolcan fra gli impianti a rilevanza imprenditoriale.

Sono curioso di sapere qual’è la ragione reale, nella giustificazione parla delle dimensioni della struttura, che però nel frattempo immagino siano rimaste le stesse;)

Nella G.M. 106 del 31 Agosto riappare quindi fra gli impianti a rilevanza imprenditoriale, e lo stesso giorno appare l’avviso pubblico per l’affidamento della gestione.

Non ho sufficienti informazioni per farmi un’idea precisa su quale sia la soluzione migliore: costi di gestione, numero di richieste espresse dalle società sportive, costi di manutenzione etc. Mi sembra però pretestuosa la motivazione alla base della nota.

Se per una scelta abbastanza semplice come questa ci vogliono due delibere e sono stati sprecati sei mesi cosa succede per decisioni più complesse? Cosa muove le decisioni di questa giunta?

Ottimo realizzare opere pubbliche, ma vi suggerisco di immaginarvi sin dall’inizio come gestirle, penso ad esempio al progetto AciGreenways.

(stefano alì)

0 584

ACIREALE – Redatta la convenzione, espletata la gara ed il GIS il 22 settembre 2017 si aggiudica la stessa per la gestione del Palavolcan di Acireale. Dopo quasi due settimane, però, la più importante struttura pubblica per lo sport rimane ancora chiusa, neinte squadre di volley, basket e calcio a 5 ma ancora insiste un grande catenaccio e cancelli chiusi. Ancora assente, oltre le associazioni sportive, anche la 104 Orizzontale Onlus, associazione da tanti anni attiva nel territorio con oggetto sociale il supporto e l’integrazione dei disabili. L’unica certezza, al momento, rimane solo un grosso lucchetto e struttura “al buio” senza attività al suo interno.

Saranno le normali procedure burocratiche, sarà che ancora un accordo non si è trovato tra l’Ente pubblico e il GIS, saranno altre motivazioni a noi al momento non note, ma il Palavolcan recuperato dopo la tromba d’aria del novembre 2014 e dopo l’incredibile vicenda sulla caldaia (siè aspettato per tanti mesi il collaudo della stessa) resta il fatto che ancora la struttura non è aperta. Rimangono interrogativi insoluti e rimane il dispiacere di trovare le porte ancora chiuse della più importante risorsa strutturale per lo sport.

Finanziata con fondi regionali il recupero completo del Palavolcan doveva essere il fiore all’occhiello della capacità amministrativa e doveva avere certamente un canale preferenziale per il completamento dei lavori e per la loro realizzazione ad opera d’arte. Forse il GIS pur vincendo la gara per la convenzione per la gestione della struttura di corso Italia ancora non ritiene opportuno dare inizio alla gestione del Palazzetto di corso Italia? Sono fatti che lasciano la città di Acireale senza spazi pubblici per le società sportive e le assoziazioni di volontariato.

Riteniamo necessario da parte del GIS e del Comune di Acireale far conoscere nel dettaglio le motivazioni per cui ancora i cancelli sono chiusi, anche perchè in questi mesi per la questione in oggetto abbiamo sentito, ascoltato e letto una vastissima gamma di dichiarazioni spesso in contraddizione l’una con l’altra.

Seguiamo con vivo interesse la vicenda del Palavolcan nella speranza che presto la struttura venga restituita ai tanti atleti acesi e alle associazioni di volontariato che da troppo tempo attendono di ritornare a far rivivere il Palavolcan.

(mAd)